Sono un buon esempio per mio figlio? Lettera di un padre ed insegnante

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sono un padre ed insegnante nella scuola primaria, quotidianamente mi confronto con ragazzi e dopo alcuni momenti di mia riflessione desidero invitare NOI ADULTI a fare una riflessione a mio avviso importante.

Prima di criticare i comportamenti dei più giovani, di dire la famosa frase ” questa generazione non ha rispetto….. oppure…. questi giovani di oggi non sono responsabili”…. invito tutti ( me compreso) a riflettere prima di pronunciare queste affermazione su alcuni quesiti:
1. ho insegnato a mio figlio/a il rispetto?
2. sono stato un buon esempio?
3. ho insegnato a mia figlia/o ad essere responsabile anche nelle piccole cose?
4. ho dato il mio esempio?
5. Ho insegnato a mia figlia/o che è importante ascoltare gli altri e riflettere su cosa ci dicono?
6. ho dato l’esempio del saper ascoltare?
7. ho insegnato a mio figlio/a che esistono delle regole da rispettare a casa, fuori casa, con gli amici, con i più grandi, con chi rappresenta un istituzione etc etc….
8. ho dato l’esempio giusto nel rispettare le regole, o le ho infrante cercando anche di portarmi le mie ragioni?
9. Ho insegnato a mia figlia/o a dialogare, confrontarsi, comunicare non solo per mezzo di Whats-App o affini?
10. Ho dato il mio esempio nel dialogare in ogni momento con loro, in famiglia, nel non stare al telefonino quando sono con loro….. nel non isolarmi nel mondo virtuale piuttosto che interagire con loro???

ECCO FACCIAMOCI QUESTE DOMANDE…. RIFLETTIAMO SULL’ESEMPIO CHE DIAMO, E AUTOMATICAMENTE DOVREBBE PARTIRE DENTRO DI NOI UN BELL’ESAME DI COSCIENZA… E PROBABILMENTE AVREMMO ANCHE DELLE RISPOSTE RELATIVE AI LORO COMPORTAMENTI.

Versione stampabile
anief
soloformazione