Invalsi V superiore, al via le prove al computer: risoluzione situazioni problematiche

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Debuttano oggi le prove Invalsi nelle classi V della scuola secondaria di secondo grado.

Prove Invalsi V superiore: date e materie

Le prove riguardano le discipline di Italiano, Matematica e Inglese.

Si svolgono entro il seguente periodo di somministrazione:

  • dal 4 al 30 marzo 2019  classi NON campione
  • dal 12 al 15 marzo 2019 classi campione

Prove Invasi V superiore: modalità somministrazione

Le svolgimento delle prove al computer, già sperimentato lo scorso anno nella scuola secondaria di primo grado, ha come conseguenza che le stesse (prove) non si svolgano nello stesso giorno e ora in tutta Italia, ma all’interno della finestra di somministrazione assegnata alle scuole dall’Invalsi entro il summenzionato periodo (4-30 marzo 2019).

Le prove si svolgono preferibilmente in tre giornate distinte (una per l’italiano, una per la matematica e una per l’inglese), scelte dal dirigente scolastico all’interno della finestra di somministrazione. Anche l’ordine di somministrazione delle materie (Italiano, Matematica e Inglese-reading e Inglese – listening) è deciso dal dirigente.

Le prove si possono svolgere per:
  • classe: l’intera classe svolge contemporaneamente la prova in un’aula informatica;
  • gruppi: la classe è suddivisa in gruppi (non necessariamente di uguale numerosità) che in sequenza (anche in giorni diversi) o in parallelo svolgono la prova
Le suddette modalità di somministrazione variano in base al numero di computer e alla rete internet di ciascuna scuola.
Classi campione
Nelle classi campione la somministrazione delle prove deve avvenire in modo da consentire all’Osservatore esterno di assistere allo svolgimento delle prove di tutti gli allievi  della classe, con la sola eventuale eccezione degli allievi disabili  o, limitatamente alla prova d’Inglese, anche degli allievi DSA che non sostengono la prova.
Pertanto, gli eventuali gruppi di una classe campione  svolgono le prove sempre in sequenza al fine di permettere all’Osservatore di assistere allo svolgimento delle prove di tutti gli allievi della classe a lui affidata.
Le prove si svolgono in tre giornata distinte, scelte dalla scuola tra il 12 e il 15 marzo 2019. L’ordine di somministrazione delle materie è indicato dall’Invalsi:
  • giornata 1: Italiano
  • giornata 2: Matematica
  • giornata 3: Inglese (reading e listening nell’ordine stabilito dalla scuola e che può essere anche differenziato all’interno della classe).

Prova Invalsi V superiore: situazioni problematiche

L’Invalsi ha pubblicato un manuale per superare eventuali problematiche che dovessero presentarsi durante lo svolgimento delle prove.

Nel documento leggiamo che, per qualsiasi problematica non affrontata nello stesso, si deve utilizzare il modulo domande/risposte presente sul sito dell’Istituto nell’area riservata.

Queste le situazioni problematiche affrontate:

  1. interruzione dello svolgimento della prova;
  2. attribuzione errata (o mancata attribuzione) delle misure compensative
    e/o dispensative;
  3. l’allievo non riesce a entrare in una prova (Italiano, Matematica,
    Inglese) con le proprie credenziali.

Interruzione dello svolgimento della prova

In caso di interruzione della prova (per problemi legati all’erogazione dell’energia elettrica, alla rete internet, improvvisa inagibilità dei locali…), l’Invalsi ricorda che le risposte già fornite dall’alunno non andranno perse.

Il conteggio del tempo di svolgimento prosegue anche durante l’interruzione della prova.

Possono verificarsi due casi:

  1. interruzione inferiore a 10 minuti: gli allievi possono riprendere la prova, utilizzando le medesime credenziali, in cui sono state salvate tutte le risposte fornite (eccetto eventualmente l’ultima) prima dell’interruzione della prova.
  2. interruzione superiore a 10 minuti: la prova si interrompe e riprenderà a partire dal giorno successivo, in un giorno fissato dal Dirigente scolastico.
    il Dirigente (o a un suo delegato) procede alla “Richiesta di abilitazione alla
    ripetizione della prova” attraverso l’apposita funzione disponibile nella sua area riservata in modo da consentire agli allievi di svolgere nuovamente la prova a partire dalle ore 10:30 del giorno feriale successivo alla richiesta.

Nel secondo caso, ossia di interruzione della prova superiore a 10 minuti, viene precisato quanto segue:

– lo studente potrà svolgere la prova solo dopo l’autorizzazione da parte dell’Invalsi alla “Richiesta di abilitazione alla ripetizione della prova” effettuata dal Dirigente scolastico (o suo delegato);

– allo studente che svolgerà nuovamente la prova, verranno proposte nuovamente anche le domande a cui aveva già dato risposta prima dell’interruzione; in questo caso la valutazione complessiva prenderà in esame solo le risposte fornite durante il primo svolgimento, ossia prima dell’interruzione;

– allo studente, dopo le domande già visionate prima dell’interruzione della prova, verranno proposte nuove domande selezionate in relazione ai criteri in base ai quali sono strutturate le prove stesse.

Attribuzione errata (o mancata attribuzione) delle misure compensative
e/o dispensative

In caso di errori  nell’attribuzione di misure dispensative e compensative ad allievi disabili certificati o ad allievi DSA certificati, il Dirigente scolastico, può provvedere alla correzione del predetto errore attraverso l’apposita funzione “Modifica delle misure compensative e/o dispensative” disponibile nella sua area riservata.

L’allievo non riesce a entrare in una prova (Italiano, Matematica,
Inglese) con le proprie credenziali

In tal caso si deve:

  • controllare che l’allievo abbia inserito correttamente le proprie credenziali;
  • verificare che le credenziali siano quelle fornite in seguito alla richiesta stessa, se è stata effettuata una richiesta di ‘Modifica delle misure compensative e/o dispensative’;
  • se il problema permane, spostare l’allievo su un altro computer ed effettuare nuovamente l’accesso alla prova.

Qualora il problema persistesse, il dirigente dovrà procedere alla ‘Richiesta di abilitazione alla ripetizione della prova’ attraverso l’apposita funzione disponibile nella sua area riservata.

L’Invalsi sottolinea che, per motivi di sicurezza, le richieste vanno effettuate soltanto dalle ore 11:00 alle ore 18:30 dei giorni feriali e che ogni operazione effettuata in piattaforma o sul sito dell’Invalsi è oggetto di attento monitoraggio.

Manuale Invalsi

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione