Invalsi studenti classi V secondaria superiore, svolte oggi 25.158 prove. Partecipazione è requisito di ammissione alla Maturità

Stampa

comunicato Invalsi – Iniziate oggi le prove INVALSI 2020. Si comincia con gli studenti dell’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado.

Nell’eccezionalità della situazione sanitaria l’INVALSI rinnova la propria vicinanza e la propria disponibilità alle comunità scolastiche maggiormente coinvolte.

Al via oggi le prove INVALSI 2020. Si comincia con gli studenti dell’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado che fra qualche mese dovranno sostenere l’esame di Stato.

Sono 476.867 suddivisi in 26.148 classi gli studenti dell’ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado che svolgeranno le prove INVALSI. Da quest’anno le prove sono requisito per l’ammissione all’esame di Stato.

A partire dall’anno scorso, le prove di Italiano, Matematica e Inglese (reading e listening) vengono svolte al computer.

L’avvio delle prove quest’anno ha coinciso in alcune regioni italiane con la sospensione delle attività didattiche causata dalla situazione sanitaria in continua evoluzione.

Pertanto, nei giorni scorsi l’INVALSI, per ridurre il più possibile il disagio generato dall’eccezionalità degli eventi, ha inviato alle istituzioni scolastiche interessate una nota con la quale ha comunicato che appena possibile saranno fornite tutte le informazioni necessarie per l’eventuale
riorganizzazione delle finestre di somministrazione di ciascuna scuola, al fine di consentire lo svolgimento delle prove nella massima serenità.

Nella giornata odierna alle 17.30 le prove sostenute sono state 25.158 e – secondo quanto registrato dall’Istituto – tutto si è svolto regolarmente, senza particolari difficoltà tecnicoinformatiche.

Pur in presenza della situazione di forza maggiore verificatasi quest’anno, la costante collaborazione tra gli uffici scolastici regionali, le scuole e l’INVALSI ha consentito di giungere all’appuntamento odierno con la necessaria tranquillità e nelle condizioni anche tecnologiche ottimali per permettere agli studenti di affrontare questo appuntamento senza
particolari timori e tensioni.

Nel rinnovare la propria vicinanza alle regioni, alle istituzioni scolastiche, alle famiglie e agli studenti maggiormente colpiti dall’eccezionalità degli eventi, l’INVALSI invia il proprio ringraziamento alle scuole coinvolte, ai docenti, ai dirigenti e agli studenti che hanno sostenuto e sosteranno le prove. In particolare, agli studenti prossimi all’esame di Stato
l’INVALSI rivolge uno speciale incoraggiamento e augurio.

Gli esiti delle prove verranno restituiti alle scuole e agli studenti maggiorenni che, tramite le credenziali ricevute alla registrazione per sostenere le prove, potranno accedere direttamente ai propri risultati secondo modalità e tempi che saranno indicati a breve sul sito
dell’INVALSI-

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur