Invalsi: selezione buone pratiche lettura e comprensione, invio proposte entro il 17 settembre

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Invalsi ha indetto un concorso per l’identificazione di buone pratiche, realizzate dalle scuole di ogni ordine e grado e relative all’acquisizione di una progressiva competenza di lettura e comprensione di testi in lingua italiana.

Obiettivo

Il concorso si pone l’obiettivo di far comprendere agli studentiche imparare
a leggere a scuola è propedeutico alla capacità di sviluppare ulteriori livelli di comprensione della lettura.

Una Commissione avrà il compito di selezionare le pratiche che meglio perseguiranno il succitato obiettivo:  tre per la scuola primaria, tre per la scuola secondaria di primo grado, tre per la scuola secondaria di secondo grado e una realizzata nell’Istruzione e Formazione Professionale (IeFP)

Docenti proponenti

Le buone pratiche selezionate saranno presentate dai docenti, che le hanno proposte, al Convegno dal titolo “INSEGNARE A LEGGERE. IMPARARE A COMPRENDERE”.

Il Convegno si svolgerà a Roma nei giorni 16–17  novembre 2018.

Le buone pratiche

Le Buone Pratiche dovranno essere già realizzate o in corso di attuazione da almeno un anno  scolastico.

La proposta deve riassumere sinteticamente (max.1000 parole) l’intero lavoro in modo che la Commissione possa avere una visione completa
della Buona Pratica.

La descrizione della Buona Pratica deve includere:

  • l’obiettivo;
  • il metodo;
  • i risultati (attesi e raggiunti);
  • le modalità di verifica.

La proposta deve essere corredate dalle seguenti informazioni:

  • nome, cognome, un recapito telefonico e di posta elettronica del docente proponente
  • indicazione della sede scolastica e del grado in cui è stato realizzato il progetto

Termini e modalità presentazione proposta

La proposta deve essere inviata entro il 17/09/2018 al seguente indirizzo di
posta elettronica: [email protected]

L’accettazione delle proposte sarà comunicata via email entro il 30/09/2018.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione