Invalsi III media. PC, connessione e prestazione studenti, a quali esiti condurranno? I precedenti non consolano

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le prove Invalsi per le classi terze della scuola secondaria di primo grado si svolgono per la prima volta al PC , non fanno più parte delle prove d’esame ma ne costituiscono requisito di accesso.

Le nuove prove preoccupano sia per la dotazione informatica necessaria, di cui molte scuole sono sprovviste, sia per le prestazioni degli studenti di fronte alla rinnovata modalità di svolgimento delle medesime.

Come già segnalato in precedenza, moltissime scuole sembrano tutt’altro che attrezzate allo svolgimento delle prove CBT.

Ne ha parlato anche “Il Messaggero”, in un articolo di Lorena Loiacono, pubblicato il 4/03/2018.

SCUOLE IN DIFFICOLTÀ

Nella migliore delle ipotesi, leggiamo nel suddetto quotidiano, i plessi scolastici hanno a disposizione, per lo svolgimento delle prove, una sola aula informatica funzionante con un massimo di 25 postazione.

La conseguenza, come previsto dall’Invalsi, è di far svolgere le prove per gruppi di alunni, nell’ambito della finestra di somministrazione indicata dall’Istituto di Valutazione (finestra individuata nell’arco temporale che va dal 4 al 21 aprile).

CACCIA AL PC

In alcune scuole, prosegue la Loiacono, non è funzionante (o almeno adeguata allo svolgimento delle prove) nemmeno una delle aule informatiche presenti, per cui è partita la “caccia al PC”.

PROBLEMA CONNESSIONE

Alla problematica legata all’esiguo numero di computer disponibili, si aggiunge quella dovuta alla connessione Internet, non sempre adeguata allo svolgimento delle prove.  Da qui la soluzione di spalmarle in più giorni, al fine di  non fare andare in tilt il sistema.

PRESTAZIONI ALUNNI  

Altra grande preoccupazione riguarda le possibili prestazioni degli studenti di fronte ad una modalità di svolgimento del tutto nuova e, visti i precedenti, le speranze non sono del tutto rosee, sebbene le prove presentino un numero inferiore di domande e tempi più lunghi.

L’ultimo test OCSE-PISA del 2015, infatti, si è svolto al computer  ed ha visto un calo dei risultati pari a 13 punti percentuali rispetto al risultato medio dei nostri alunni.

Qui la nostra Guida Completa

Tutto sull’Invalsi

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione