Invalsi III media, alunni in ospedale e in istruzione parentale svolgono prove nella struttura in cui si trovano. Nota Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur ha pubblicato la nota n. 5606 del 30 marzo 2018, avente per oggetto le prove Invasi nelle classi terze della scuola secondaria di primo grado.

Nello specifico, l’Amministrazione fornisce indicazioni in merito alle prove per gli alunni in ospedale o in istruzione parentale.

ALUNNI IN OSPEDALE

Gli alunni, che sono in ospedale durante il periodo previsto per la somministrazione delle prove (ciascuna scuola le svolge secondo una finestra di somministrazione proposta dall’Invalsi), le svolgono nella struttura in cui sono ricoverati, ove ne ricorrano le condizioni.

ALUNNI IN ISTRUZIONE PARENTALE

Gli alunni in istruzione parentale, leggiamo nella nota, svolgono le prove secondo la succitata modalità.

Nella nota non è specificato, ma non ci si può che riferire al fatto che svolgono le prove a casa o nella struttura in cui si trovano.

IMPOSSIBILITA’ A SVOLGERE LE PROVE NEL PERIODO DI SOMMINISTRAZIONE

Nel caso in cui gli alunni ricoverati in ospedale o in istruzione parentale non possano svolgere le prove durante la finestra di somministrazione assegnata alla scuola, a causa di particolari condizioni fisiche, l’istituzione scolastica di appartenenza dovrà contattare  l’Invalsi, al fine di concordare tempi e modalità specifiche per ciascuna situazione. Ciò al fine di garantire un sereno svolgimento della prova che, ricordiamolo, è requisito d’accesso all’esame di Stato.

L’Invalsi va contattato al seguente indirizzo di posta elettronica:  [email protected] o [email protected]

nota Miur

Invalsi III media, tutte le info utili sulle nuove prove

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare