Invalsi e Dad, un fallimento per gli studenti. Lettera

Stampa

Inviato da Mario Bocola – La pandemia e la didattica a distanza hanno fortemente penalizzato gli apprendimenti degli alunni ed i test delle prove Invalsi hanno certificato che gli studenti hanno gravi lacune in italiano e in matematica e che in queste discipline non hanno ottenuto adeguate competenze.

L’allarme dei seicento docenti universitari e dei linguisti italiani che poi cadde nel vuoto già certificò il fallimento delle competenze degli studenti in lingua italiana, come pure l’allarme lanciato dai matematici per le competenze logiche e matematiche.

La pandemia e la dad hanno dato la “mazzata” agli apprendimenti e ora occorre ripartire da zero. Insomma per la scuola sembra essere ritornato l’anno “zero”. In cui bisogna resettare tutto e ricostruire tutta la scuola dalle fondamenta. Purtroppo questa è la situazione reale.

In controtendenza ai dati delle prove Invalsi si sono avuti agli Esami di maturità dei voti molto elevati che hanno certificato anche competenze elevate. E questi studenti come se la caveranno all’Università? Riusciranno a confermare la votazione e le competenze acquisite?

Insomma una situazione veramente preoccupante per la scuola che è un “malato” da curare. Quindi necessita una inversione ad U per l’istruzione se vogliamo agganciarci all’Europa e stare al suo passo.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur