Invalsi, Aiello: alle elementari sperimenteremo prove con Tablet. Migliorare listening inglese innovando didattica in classe [INTERVISTA]

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Si è svolta a Roma la presentazione dei dati relativi alle prove Invalsi 2019, abbiamo intervistato la Presidente Anna Maria Ajello sui risultati e sul futuro dell’Invalsi.

Prove partecipate

La Presidente dell’Invalsi ha subito voluto mettere in evidenza la partecipazione da parte degli studenti, pur non essendo ormai la prova Invalsi propedeutica all’esame di Stato. Gli studenti, ha detto, hanno dimostrato senza di responsabilità, mettendosi alla prova e dimostrando di non essere “evanescenti”.

Scuole adeguate

Un dato importante, anche le scuole del Sud si sono trovate pronte ad affrontare le prove computer based. Il trend evidenziato dalla Ajello è di miglioramento nelle funzionalità con scuole pienamente collaborative.

Sperimentazione tablet alle elementari

Si tratta di una anticipazione fornita alla nostra redazione. “Se vogliamo fare confronti di trend per bambini di quinta elementare – ha detto la Presidente – dobbiamo affrontare sperimentazioni pluriennali che prevedono l’utilizzo di tablet”

Inglese bestia nera

Inglese ancora bestia nera, i dati mostrano difficoltà. Secondo la  Ajello, è necessario cambiare modalità didattica, andando oltre un insegnamento che privilegia la traduzione scritta.

Le prove Invalsi “suggeriscono un cambiamento di approccio didattico”, ad ogni modo il dato vede un miglioramento rispetto allo scorso anno.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione