Invalsi 2018. Bandi per osservatori esterni, possono presentare domanda anche laureati e diplomati. I compensi Aggiornato con Liguria e Piemonte

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Gli USR pubblicano i bandi per il reperimento degli osservatori esterni nelle classi campione durante lo svolgimento delle prove Invalsi 2018.

REQUISITI PER CANDIDARSI

  1. Docenti con competenze informatiche
  2. Docenti somministratori nelle scuole campionate nell’ambito dell’indagine OCSE-PISA
  3. Docenti somministratori nelle scuole campionate nell’ambito delle indagini IEA-PIRLS, IEA-TIMSS, IEA ICCS
  4. Animatori digitali
    Docenti con contratto a tempo indeterminato
  5. Docenti con contratto a tempo determinato
  6. Docenti collaboratori del Dirigente scolastico
  7. Docenti incaricati dello svolgimento di funzioni strumentali, con precedenza per quelli incaricati per ambiti di tipo informatico o per lo svolgimento di funzioni attinenti alla valutazione degli apprendimenti
  8. Docenti comandati presso gli USR, articolazioni territoriali USR, INDIRE
  9. Dirigenti scolastici
  10. Dirigenti tecnici

In ciascuna delle predette categorie sarà data precedenza al personale in servizio rispetto a quello in
quiescenza, da non più di tre anni e, a parità di altri elementi, al candidato più giovane.

Infine, sarà possibile selezionare gli osservatori tra giovani laureati e diplomati, con competenze informatiche, con preferenza per chi già risulta iscritto nelle graduatorie provinciali o d’Istituto.

COMPENSI

A ciascun osservatore, sarà corrisposta la somma di € 200,00 a classe somministrata di seconda primaria, di € 350,00 a classe somministrata di
quinta primaria e terza secondaria di primo grado, di € 250,00 a classe somministrata di seconda secondaria di secondo grado, lordo amministrazione. Le quote sono comprensive di qualsiasi onere,
nonché delle eventuali spese di viaggio e di vitto.

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia- Romagna

Friuli Venezia Giulia

LAZIO 

Liguria

Lombardia

MARCHE –

Molise

Piemonte

Puglia12   

Sicilia

Toscana

Trento

Umbria

Veneto

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare