Invalsi 2017. Bandi per osservatori esterni, possono presentare domanda anche laureati e diplomati. I compensi Aggiornato Piemonte

Gli USR cominciano a pubblicare i bandi per il reperimento degli osservatori esterni nelle classi campione durante lo svolgimento delle prove Invalsi 2017.

L’elenco

ABRUZZO

BASILICATA

CAMPANIA

EMILIA ROMAGNA

LAZIO Autorizzazione DS

LIGURIA

MOLISE

PIEMONTE

PUGLIA

SARDEGNA

TRENTO

UMBRIA

VENETO

CHI PUO’ PRESENTARE LA DOMANDA

  • Dirigenti Tecnici
  • Dirigenti Scolastici
  • Docenti collaboratori del Dirigente Scolastico
  • Docenti incaricati dello svolgimento di funzioni strumentali, con precedenza per quelli incaricati dello svolgimento di funzioni attinenti alla valutazione degli apprendimenti
  • Docenti comandanti presso gli USR, articolazioni territoriali USR, INDIRE
  • Docenti esperti già utilizzati in precedenti rilevazioni o coinvolti con compiti di formatori o di tutor dei seminari di sensibilizzazione alle indagini OCSE – PISA
  • Docenti somministratori nelle scuole campionate nell’ambito dell’indagine OCSE – PISA
  • Docenti somministratori nelle scuole campionate nell’ambito delle indagini IEA – PIRLS E IEA – TIMSS
  • Docenti con contratto a tempo indeterminato
  • Docenti con contratto a tempo determinato
  • Docente Laureato/diplomato

In ciascuna delle predette categorie sarà data precedenza al personale in servizio rispetto a quello in quiescenza, da non più di tre anni, e, a parità di altri elementi, al candidato più giovane.

Sarà possibile, infine, selezionare gli osservatori tra giovani laureati e diplomati, con preferenza per chi già risulta iscritto nelle graduatorie per l’insegnamento provinciali o d’Istituto.

In ciascuna delle predette categorie sarà data precedenza al personale in servizio rispetto a quello in quiescenza, da non più di tre anni e, rispettivamente, sulla base del criterio dell’età, partendo dal più giovane al più vecchio. In via residuale, sarà possibile selezionare gli osservatori tra giovani laureati e diplomati, con preferenza per chi già risulta iscritto nelle graduatorie per l’insegnamento provinciali o d’Istituto

MANSIONI

a) Garantire la corretta applicazione del protocollo di somministrazione delle prove;
b) Effettuare l’inserimento delle risposte alle prove su apposita maschera elettronica (foglio elettronico) che consegnerà alla segreteria della scuola per il successivo inoltro mediante caricamento sul sito Internet dell’INVALSI.

COMPENSI

Il compenso spettante per ciascuna classe di euro 200,00 sarà corrisposto a fronte di prove effettivamente somministrate, lordo Amministrazione, e quindi comprensivo di ogni e qualsiasi onere, nonché delle eventuali spese di viaggio e di vitto, per ciascuno degli osservatori.

Prove Invalsi 2017: tutte le date

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia