Intitolare la nuova scuola a Tina Anselmi. Il sindaco: “Meglio a Piero Angela”. Il dibattito nel Veneto

WhatsApp
Telegram

Tina Anselmi o Piero Angela: come chiamare il nuovo plesso di una scuola primaria nel comune veneziano? C’è un dibattito in corso che coinvolge il sindaco del comune di Marcon.

Il consiglio d’istituto, si legge su Il Corriere del Veneto, era chiamato a decidere a chi intitolare il nuovo edificio, e la scelta è caduta proprio sulla Anselmi, partigiana, insegnante e politico di primo piano.

Chiamata a esprimere la propria opinione, il 6 ottobre la giunta di centrodestra guidata dal sindaco Matteo Romanello (ex Lega e ora dato per vicino proprio a Fratelli d’Italia, il partito di Meloni), pur “riconoscendo come la figura di Tina Anselmi sia di rilevante importanza” ha deliberato di “esprimere parere non favorevole“, in quanto si “ritiene opportuno individuare una personalità non avente carattere politico, considerato che l’intitolazione di una scuola dovrebbe avere una valenza soprattutto educativa, piuttosto che ideologica“.

Il sindaco di Marcon ricorda che fu lui stesso a “suggerire al consiglio di istituto di intitolare la struttura a una donna. Ho stima di Tina Anselmi ma personalmente, visto che si tratta di una scuola pubblica, credo sarebbe più opportuno far ricadere la scelta su una personalità che si è dedicata alla formazione culturale dei giovani“.

Ecco allora la controproposta: Piero Angela, il giornalista e divulgatore scientifico scomparso ad agosto: “Quello che inaugureremo il prossimo anno sarà un istituto all’avanguardia, anche dal punto di vista tecnologico. E Angela ha sempre lanciato dei messaggi improntati sul futuro, sul valore della conoscenza e sul rispetto dell’ambiente“.

Al dibattito prende parola anche Gianna Anselmi, la sorella di Tina che spiega: “Piero Angela ha molti meriti, e credo non ci sia nulla di male a volergli intitolare una scuola. Credo però che nessuno possa mettere in discussione quanto fatto da mia sorella per i giovani. È stata un’insegnante e, anche nell’ultima parte della sua vita, amava le nuove generazioni e ha sempre partecipato volentieri agli incontri ai quali la invitavano gli studenti“.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur