Interrogazione parlamentare on. Nicola Fratoianni sul caso Minerbe

Stampa

“Quali iniziative intende intraprendere il ministro dell’Istruzione, in accordo con i Comuni del nostro Paese, affinché il diritto alla ristorazione degli alunni venga sempre tutelato evitando che si verifichino casi di insopportabile discriminazione verso i minori, come quello avvenuto in provincia di Verona?”

E’ una delle domande che il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni pone al governo nell’interrogazione presentata dopo la vicenda della bambina della scuola elementare di Minerbe (Verona).

“Ragioni di bilancio economico non possono  in alcun modo – prosegue l’interrogazione parlamentare – calpestare un diritto universale come quello dell’infanzia e scegliere di somministrare un pasto ridotto ad una scatoletta di tonno vuol dire diseducare i bambini e i cittadini mentre compito di una Istituzione  pubblica dovrebbe essere, dopo aver verificato il reale grado di difficoltà della famiglia, quello di trasmettere il valore della solidarietà, per evitare di scadere in una becera propaganda senza neanche aver prima operato gli adeguati accertamenti.

“Il voler continuare ad inserire elementi divisivi nella società  italiana – conclude Fratoianni – non fa altro che alimentare un clima che lacera un tessuto sociale già fragile, senza risolvere peraltro  le emergenze. Aagli adulti e in particolare a chi amministra la cosa pubblica spetta il compito di evitare ai bambini di vivere anche durante le ore scolastiche gli stessi disagi che probabilmente vivono già in famiglia e consentire a tutti di consumare lo stesso pasto alla mensa scolastica rientra tra i doveri di un’amministrazione oltre che ad essere un diritto per tutti i bambini di un Paese civile”

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi