Interpellanza onorevole Pili alla Fedeli: far rientrare docenti sardi di tedesco. Ecco come

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il 26 luglio u.s., l’onorevole Pili ha presentato un’interpellanza parlamentare indirizzata al ministro Fedeli, avente per oggetto la situazione dei docenti sardi di tedesco presso la scuola secondaria di II grado, titolari in province al di fuori dell’Isola. 

I predetti docenti, in seguito al piano di mobilità straordinaria, hanno avuto assegnato un ambito di titolarità fuori dalla Sardegna, mentre alcuni degli stessi al di fuori della provincia di residenza, nonostante la presenza di posti in organico di fatto.

Nell’interpellanza, l’onorevole Pili:

sottolinea l’importanza della predetta lingua in relazione alla vocazione turistica dell’Isola e alla presenza di molti turisti di lingua tedesca;

critica il meccanismo di costituzione degli ambiti, alcuni dei quali comprendono scuole molto distanti tra loro, e la comunicazione dell’USR Sardegna in cui chiede la disponibilità da parte dei docenti all’incremento dell’orario di insegnamento (ore aggiuntive oltre alle 18) e di darne comunicazione entro il 24 luglio 2017 riducendo così la possibilità di unire alcuni spezzoni per formare delle cattedre;

sottolinea la necessità di corsi di riconversione professionale sul sostegno per quei docenti che hanno prestato servizio su tale tipologia di posto.

Premesso quanto detto sopra, Pili chiede se il Ministro interrogato non ritenga di dover assumere iniziative utili e urgenti al fine di favorire un doveroso, quanto auspicabile, riavvicinamento dei docenti ai propri nuclei familiari, in attuazione di un principio fondamentale che salvaguardi le posizioni dei docenti già in organico e favorisca una gestione oculata ed efficiente dei docenti negli ambiti territoriali. 

L’interpellanza

Versione stampabile
anief
soloformazione