Interdizione per 4 maestre di Trapani: l’accusa è di maltrattamento sugli alunni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Quattro maestre della provincia di Trapani sono state denunciate e interdette dalla professione con l’accusa di maltrattamenti ai bambini nella scuola elementare in cui insegnavano.

Le maestre – “responsabili di aver usato violenze fisiche e verbali contro i propri alunni”, dicono gli inquirenti – sono state interdette per un anno dall’esercizio della professione con un’ordinanza cautelare del Gip trapanese, su richiesta della Procura.

Gli uomini della Squadra Mobile hanno avviato le indagini dopo la denuncia di un’altra insegnante, che ha raccontato delle violenze che si consumavano all’interno delle aule.

Gli agenti della Sezione ‘Reati contro la persona’ hanno posizionato alcune microcamere, grazie alle quali si è potuto vedere chiaramente cosa accadeva durante le ore di lezione: insulti, minacce, percosse e vessazioni psicologiche erano all’ordine del giorno per i bambini che frequentavano le due classi affidate alle quattro.

La misura cautelare è stata disposta dal Giudice “per il rischio concreto che le docenti proseguissero nei loro comportamenti vessatori e violenti”. Il Gip ha “ritenuto evidente la loro responsabilità” e ha stigmatizzato il comportamento definendolo “sintomatico di una personalità prevaricatrice, incurante delle più elementari esigenze di bambini in tenerissima età e del tutto indifesi”. Le docenti sono state accompagnate in Questura per la notifica del provvedimento cautelare, che ha decorrenza immediata.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare