Inserimenti a pettine, Russo (Pd): “Gelmini metta fine alle preoccupazioni dei precari della scuola”

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa Pd – “Il ministro metta fine alle preoccupazioni dei precari della scuola, vari il decreto di aggiornamento delle graduatorie, adempiendo all’inserimento ‘a pettine’ come prescritto dalla Corte Costituzionale”. Lo dice l’on Tonino Russo, componente della Commissione cultura della Camera, augurandosi che il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, nell’incontro, previsto domani con i sindacati, ponga fine all’annosa vicenda dell’inserimento ‘a pettine’ dei precari della scuola che effettuano il cambio di provincia.

Ufficio Stampa Pd – “Il ministro metta fine alle preoccupazioni dei precari della scuola, vari il decreto di aggiornamento delle graduatorie, adempiendo all’inserimento ‘a pettine’ come prescritto dalla Corte Costituzionale”. Lo dice l’on Tonino Russo, componente della Commissione cultura della Camera, augurandosi che il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, nell’incontro, previsto domani con i sindacati, ponga fine all’annosa vicenda dell’inserimento ‘a pettine’ dei precari della scuola che effettuano il cambio di provincia.

“Lo scorso febbraio la Consulta – ricorda il deputato democratico – dichiarò illegittime le ‘code’ e definì ‘eccentrica’ la condotta dell’amministrazione ministeriale. Dopo anni di contenzioso e mesi di incertezze, dovuti a cattivi consigli e a dannosi capricci, il ministro Gelmini accolga i nostri suggerimenti che in più occasioni le abbiamo offerto: avvii un consistente piano di immissioni in ruolo per il personale docente ed Ata sui posti vacanti e disponibili”.

“Il ministro, per una volta, provi a battere il pugno affinché venga ritirata la terza tranche di tagli che finirebbero per mettere in ginocchio la scuola. Su questi punti – conclude Russo (Pd) – il ministro troverà il nostro sostegno”.

Versione stampabile
anief
soloformazione