Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Insegnare l’evoluzione della specie e spiegare che è ancora al lavoro: un UdA per lavorare in una primaria

WhatsApp
Telegram

L’evento del “Darwin Day” di quest’anno celebra l’anniversario della nascita di Charles Darwin, il suo 213° quest’anno. La celebrazione internazionale viene utilizzata come occasione per concentrarsi sull’educazione e la divulgazione in biologia evolutiva. È anche una grande opportunità per i partecipanti di fare rete con altri educatori e scienziati.

Senza Darwin questo mondo, così come lo viviamo, non esisterebbe. Era preoccupato per il modo in cui l’evoluzione viene presentata e sapeva che il coinvolgimento e l’adesione degli insegnanti era fondamentale per cambiare il mondo e la percezione che si ha della scienza.

La tolleranza al lattosio è un segno che l’evoluzione umana è ancora al lavoro

La tolleranza al lattosio è un segno che l’evoluzione umana è ancora al lavoro, afferma Briana Pobiner, paleoantropologa del National Museum of Natural History della Smithsonian Institution. Uno dei più grandi malintesi è che gli esseri umani abbiano smesso di evolversi. Non è vero. L’evoluzione alimentare è un’arena in cui possiamo davvero vedere le prove in corso dell’evoluzione e dell’adattamento umano.

Le migliori risorse per l’evoluzione

Per molti docenti, il tema dell’evoluzione può essere minaccioso. Tuttavia, in quanto fondamento della biologia, l’evoluzione è un argomento cruciale da affrontare nell’aula di scienze. Ecco perché le scuole, grazie ai numerosi finanziamenti di questi ultimi anni, dovrebbero offrire ai docenti le risorse di cui hanno bisogno per insegnare questo importante argomento con fiducia.

Perché insegnare l’evoluzione?

Perché è così importante insegnare l’evoluzione? Dopotutto, è possibile rispondere a molte domande in biologia senza menzionare l’evoluzione: come volano gli uccelli? Come possono crescere certe piante nel deserto? Perché i bambini assomigliano ai loro genitori? Ognuna di queste domande ha una risposta immediata che coinvolge l’aerodinamica, lo stoccaggio e l’uso dell’acqua da parte delle piante oi meccanismi dell’ereditarietà. Gli studenti chiedono sempre queste cose.

Una struttura di comprensione che riconosca il cambiamento nel tempo

Le risposte a queste domande spesso sollevano domande più profonde che a volte vengono poste dagli studenti: come sono andate le cose in quel modo? Qual è il vantaggio per gli uccelli volanti? In che modo le piante del deserto sono diventate diverse dalle altre? Come ha fatto un singolo organismo ad avere la sua particolare dotazione genetica? Rispondere a domande come queste richiede un contesto storico, una struttura di comprensione che riconosca il cambiamento nel tempo.

Studiare la natura

Le persone che studiano da vicino la natura hanno sempre posto questo tipo di domande. Nel corso del tempo, due osservazioni si sono rivelate particolarmente sconcertanti. Il più vecchio di questi ha a che fare con la diversità della vita: perché ci sono così tanti tipi diversi di piante e animali? Più esploriamo il mondo, più siamo impressionati dalla molteplicità dei tipi di organismi. A metà del diciannovesimo secolo, quando Charles Darwin scriveva “L’origine delle specie”, i naturalisti hanno riconosciuto diverse decine di migliaia di diverse specie animali e vegetali. Entro la metà del ventesimo secolo, i biologi avevano prestato maggiore attenzione alle forme di vita meno appariscenti, dagli insetti ai microrganismi, e la stima arrivava a 1 o 2 milioni. Da allora, le indagini sulle foreste pluviali tropicali, al centro di gran parte della diversità biologica mondiale, hanno moltiplicato queste stime almeno di dieci volte. Quale processo ha creato questa straordinaria varietà di vita?

Come si spiegano le somiglianze tra gli organismi?

La seconda domanda riguarda l’inverso della diversità della vita. Come si spiegano le somiglianze tra gli organismi? Gli esseri umani hanno sempre notato le somiglianze tra specie strettamente imparentate, ma gradualmente è diventato evidente che anche specie lontanamente imparentate condividono molte caratteristiche anatomiche e funzionali. Le ossa delle pinne anteriori di una balena sono disposte più o meno allo stesso modo delle ossa delle nostre stesse braccia. Quando gli organismi crescono da ovociti fecondati in embrioni, passano attraverso molte fasi di sviluppo simili. Inoltre, mentre i paleontologi studiavano i reperti fossili, scoprirono innumerevoli specie estinte che sono chiaramente correlate in vari modi agli organismi che vivono oggi.

La moderna biologia sperimentale si è concentrata sui processi a livello cellulare e molecolare

Questa domanda è emersa con ancora maggiore forza poiché la moderna biologia sperimentale si è concentrata sui processi a livello cellulare e molecolare. Dai batteri ai lieviti, dai topi all’uomo, tutti gli esseri viventi utilizzano lo stesso macchinario biochimico per eseguire i processi di base della vita. Molte delle proteine ​​che compongono le cellule e catalizzano le reazioni chimiche nel corpo sono praticamente identiche tra le specie. Alcuni geni umani che codificano per le proteine ​​differiscono poco dai geni corrispondenti nei moscerini della frutta, topi e primati. Tutti gli esseri viventi utilizzano lo stesso sistema biochimico per trasmettere informazioni genetiche da una generazione all’altra. Da un punto di vista scientifico, c’è una risposta convincente alle domande sui punti in comune della vita. Diversi tipi di organismi condividono tante caratteristiche di struttura e funzione perché sono correlati tra loro. Ma come?

Il concetto di evoluzione biologica

Il concetto di evoluzione biologica affronta entrambe queste domande fondamentali. Spiega la parentela tra gli organismi spiegando che i milioni di diverse specie di piante, animali e microrganismi che vivono oggi sulla terra sono imparentati per discendenza da antenati comuni, come lontani cugini. Gli organismi in natura in genere producono più prole di quella che può sopravvivere e riprodursi dati i vincoli di cibo, spazio e altre risorse nell’ambiente. Questi discendenti spesso differiscono l’uno dall’altro in modi ereditabili, cioè possono trasmettere le differenze geneticamente alla propria prole. Se la prole in competizione ha tratti vantaggiosi in un dato ambiente, sopravviverà e trasmetterà quei tratti. Poiché le differenze continuano ad accumularsi nel corso delle generazioni,

L’evoluzione spiega anche la grande diversità delle specie moderne

Questo semplice processo, che è una conseguenza naturale della riproduzione biologica di organismi in competizione per risorse limitate, è responsabile di una delle più magnifiche cronache conosciute dalla scienza. Nel corso di miliardi di anni, ha portato i primi organismi sulla terra a diversificarsi in tutte le piante, animali e microrganismi che esistono oggi. Sebbene esseri umani, pesci e batteri sembrino così diversi da sfidare il confronto, condividono tutti alcune delle caratteristiche dei loro antenati comuni.

Cosa spiega l’evoluzione? La diversità e tanto altro

L’evoluzione spiega anche la grande diversità delle specie moderne. Popolazioni di organismi con caratteristiche che consentono loro di occupare nicchie ecologiche non occupate da organismi simili hanno maggiori possibilità di sopravvivenza. Nel corso del tempo, come verrà discusso più dettagliatamente nel capitolo successivo, le specie si sono diversificate e hanno occupato nicchie sempre più ecologiche per sfruttare nuove risorse.

L’evoluzione spiega anche qualcos’altro. Durante i miliardi di anni in cui la vita è stata sulla terra, ha svolto un ruolo sempre più importante nell’alterare l’ambiente fisico del pianeta. Ad esempio, la composizione della nostra atmosfera è in parte una conseguenza dei sistemi viventi. Durante la fotosintesi, che è un prodotto dell’evoluzione, le piante verdi assorbono anidride carbonica e acqua, producono composti organici e rilasciano ossigeno. Questo processo ha creato e continua a mantenere un’atmosfera ricca di ossigeno. Le comunità viventi influenzano anche profondamente il clima e il movimento dell’acqua tra gli oceani, l’atmosfera e la terra. Gran parte delle precipitazioni nelle foreste del bacino amazzonico occidentale sono costituite da acqua che ha già compiuto uno o più viaggi recenti attraverso una pianta vivente.

L’evoluzione biologica spiega tre delle caratteristiche più fondamentali del mondo che ci circonda

In breve, l’evoluzione biologica spiega tre delle caratteristiche più fondamentali del mondo che ci circonda: le somiglianze tra gli esseri viventi, la diversità della vita e molte caratteristiche del mondo fisico in cui abitiamo. Le spiegazioni di questi fenomeni in termini di evoluzione attingono ai risultati della fisica, della chimica, della geologia, di molte aree della biologia e di altre scienze. Pertanto, l’evoluzione è il principio organizzativo centrale che i biologi usano per comprendere il mondo. Insegnare biologia senza spiegare l’evoluzione priva gli studenti di un concetto potente che porta grande ordine e coerenza alla nostra comprensione della vita.

L’insegnamento dell’evoluzione ha anche un grande valore pratico per gli studenti

L’insegnamento dell’evoluzione ha anche un grande valore pratico per gli studenti. Direttamente o indirettamente, la biologia evolutiva ha dato molti contributi alla società. L’evoluzione spiega perché molti agenti patogeni umani hanno sviluppato resistenza a farmaci precedentemente efficaci e suggerisce modi per affrontare questo problema sempre più grave (questo problema è discusso più dettagliatamente nel Capitolo 2 ). Anche la biologia evolutiva ha contribuito a molti importanti progressi agricoli spiegando le relazioni tra piante e animali selvatici e domestici e i loro nemici naturali. Una comprensione dell’evoluzione è stata essenziale per trovare e utilizzare le risorse naturali, come i combustibili fossili, e sarà indispensabile mentre le società umane si sforzano di stabilire relazioni sostenibili con l’ambiente naturale.

Evoluzione e vita quotidiana

Il concetto di evoluzione ha un’importanza nell’educazione che va oltre il suo potere di spiegazione scientifica. Tutti noi viviamo in un mondo in cui il ritmo del cambiamento sta accelerando. I bambini di oggi affronteranno più esperienze nuove e condizioni diverse di quelle che i loro genitori o insegnanti hanno dovuto affrontare nella loro vita.

L’abbandono della nozione di stabilità

La storia dell’evoluzione è un capitolo, forse il più importante, di una rivoluzione scientifica che ha occupato gran parte degli ultimi quattro secoli. La caratteristica centrale di questa rivoluzione è stato l’abbandono di una nozione di stabilità dopo l’altra: che la terra era il centro dell’universo, che gli esseri viventi del mondo sono immutabili, che i continenti della terra sono tenuti rigidamente al loro posto, e così in poi. La fluidità e il cambiamento sono diventati centrali per la nostra comprensione del mondo che ci circonda. Accettare la probabilità del cambiamento – e vedere il cambiamento come un agente di opportunità piuttosto che come una minaccia – è un messaggio silenzioso e una sfida nella lezione dell’evoluzione.

Un’UdA per operare nella scuola Primaria

“L’evoluzione dell’uomo: mappe e BES” realizzata dall’ins. Costanza Angius dell’Istituto Comprensivo Statale “Li Punti” di Sassari, nasce per “comprendere le fasi principali dell’evoluzione dell’uomo in rapporto all’ambiente” mentre “le mappe descrittive: uno strumento efficace per l’inclusione”. Come scrive correttamente e brillantemente l’Insegnante Angius “Attraverso l’analisi di testi sull’evoluzione della specie umana, il docente ha voluto consolidare abilità comuni alle discipline dell’italiano e della storia quali:

  • Saper analizzare testi continui e discontinui;
  • Saper organizzare le informazioni in semplici schemi a cornice;
  • Saper esporre, sia oralmente che per iscritto, informazioni guidate da immagini e da mappe descrittive”.

Storia-unita-evoluzione-uomo-MAPPE-E-BES Primaria

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur