Insegnare, lavoro difficile scelto per vocazione

di redazione
ipsef

red – Si tratta di uno dei punti toccati dall’indagine sugli insegnanti italiani, "Valori costituzionali e comportamenti professionali", condotta dal CIDI per conto del Comitato Italia 150.

red – Si tratta di uno dei punti toccati dall’indagine sugli insegnanti italiani, "Valori costituzionali e comportamenti professionali", condotta dal CIDI per conto del Comitato Italia 150.

Secondo la ricerca oltre la metà del campione intervistato, il 53,1%, ha scelto la professione di insegnante per realizzare una propria aspirazione personale, mentre quattro su dieci, il 41,1%, per "contribuire alla formazione dei giovani".

L’insegnamento viene percepito dagli insegnanti come un mestiere difficile, perchè provoca stress a causa del diretto e continuo contatto con altre persone (allievi, genitori, colleghi e dirigenti). A questo si aggiunge la percezione dello scarso riconoscimento sociale (per il 69,4% del campione). Ma il rapporto diretto con bambini, ragazzi e giovani costtuiscee contemporaneamente una delle fonti di maggior riconoscimento e gratificazione di questo lavoro.

Versione stampabile
anief
soloformazione