Insegnanti “volontari” per Linosa e Lampedusa: cosa vogliono in cambio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Un gruppo di insegnanti ogni giorno percorre da quasi un decennio, 340 km al giorno per andare a lavorare.

” Questi sono infatti – scrivono alla nostra redazione – i chilometri calcolati per andare a Catania e ritornare ad AgrigentoI

“Il nostro è un lavoro appassionante e lo facciamo con grande dedizione e professionalità – proseguono gli insegnanti – Infatti, nonostante le migliaia di km sulle spalle le assenze dal lavoro sono davvero pochissime, così come lo sono le speranze che nutriamo per rientrare nella nostra paradossale provincia. Al trascorrere dei chilometri, parimenti trascorre la nostra vita legata ai pericoli di questi viaggi infiniti e il pensiero va ai nostri figli, mariti, genitori che di riflesso vivono il nostro essere “pendolari”.

“Pertanto essendo venuti a conoscenza, oggi 11 ottobre – concludono – della grave situazione scolastica in cui versa la scuola primaria, la scuola dell’infanzia e la scuola superiore di primo grado di Lampedusa e Linosa, ci dichiariamo pronti a ricoprire i posti disponibili, purchè gli stessi siano dati a trasferimento. Come insegnanti siamo, inoltre, disposti a far recuperare agli alunni, senza onere aggiuntivo per lo stato, il monte ore scolastico non fruito dall’utenza fino ad oggi.

segono le firme degli insegnanti

Mancano i docenti a Linosa e le videolezioni non funzionano

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione