Insegnanti-sentinella nelle scuole per contrastare la violenza sulle donne. Parte il progetto

WhatsApp
Telegram

100 sentinelle contro la violenza sulle donne. E saranno proprio gli insegnanti di scuola primaria di Città di Castello ad avere un ruolo da protagonisti.

Si tratta di una iniziativa promossa dal comune e che vede l’avvio di corsi di formazione in collaborazione con l’associazione Liberamente Donna, dove i docenti coinvolti nel progetto potranno riconoscere i segnali di disagio delle mamme e favorire l’emersione dei casi di violenza, si legge su Tuttoggi.it.

L’aumento dei casi di violenza sulle donne in Altotevere ci impone di riflettere e agire, andando nelle scuole con un progetto che ha la finalità di sensibilizzare il corpo insegnante e prevenire questa terribile piaga trasmettendo strumenti conoscitivi e informazioni necessarie a chi è in prima linea nell’ambiente educativo, da dove possono suonare i campanelli di allarme in grado di scongiurare nuovi drammi”, spiega l’assessore ai Servizi Educativi e Pari Opportunità Letizia Guerri.

L’assessore ha partecipato al primo incontro formativo degli “insegnanti-sentinelle” insieme alla responsabile comunale del Centro Anti Violenza Città di Castello Lorenza Scateni, al dirigente scolastico del I e II Circolo Didattico Simone Casucci, alla vice dirigente Maria Grazia Bani e a circa 20 insegnanti dei plessi di Rignaldello e San Filippo con cui è partita l’esperienza.

WhatsApp
Telegram

Concorso Dirigenti scolastici, preselettiva superata? Preparati per lo scritto