Insegnanti di religione. Approvato in Dl istruzione OdG per graduatorie ad esaurimento

Di
WhatsApp
Telegram

red – Dopo la bocciatura della trasformazione delle graduatorie del concorso in graduatorie ad esaurimento nel DL 101/2013 a seguito di un emendamento al Senato, il Governo viene impegnato con un Ordine del Giorno.

red – Dopo la bocciatura della trasformazione delle graduatorie del concorso in graduatorie ad esaurimento nel DL 101/2013 a seguito di un emendamento al Senato, il Governo viene impegnato con un Ordine del Giorno.

Il 9 ottobre scorso l’Aula del Senato aveva approvato a larga maggioranza (251 votanti: 239 favorevoli e 12 contrari) l’art.1, commi 9bis-9sexies dal D.L. 101/2013 che trasformava la graduatoria di merito, predisposta a seguito del concorso degli  insegnanti di religione del 2004, in graduatoria ad esaurimento. Tuttavia successivamente, in Commissione Affari Costituzionali della Camera, l’emendamento 1.34 a firma di Marco Meloni (PD) e di Centemero (PdL), aveva determinato la soppressione dei citati commi.

Provvedimento che non è stato possibile replicare nel DL 104 a causa della ristrettezza dei tempi. La denuncia arriva dallo Snadir, sindacato di categoria, che punta il dito verso la cancellazione del provvedimento dal Dl 101.

Ma il Governo in data 24 ottobre 2013 ha accolto l’ordine del giorno 9/1682-A/25 a firma degli Onorevoli Moretti/Fioroni/Cimbro che lo impegna ad inserire in un prossimo provvedimento la proroga di validità della graduatoria del concorso del 2004 fino all’espletamento del nuovo concorso.

Un impegno, che, è bene ricordare, non si tramuta automaticamente in legge, ma che potrà contare sulla pressione dei 2.700 docenti IRC coinvolti.

Nel frattempo a Trento si avviano le procedure per un nuovo concorso

Trento, concorso per assunzione a tempo indeterminato docenti di religione. Aperte le iscrizioni

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria, corso di preparazione: con simulatore Edises e sconto libri 25%. Prezzo lancio 100 euro ancora per poco