Insegnanti. Labriola (FI): non basta videosorveglianza, necessari test psicoattitudinali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“L’utilizzo della videosorveglianza negli asili e nelle scuole, a tutela di bambini e ragazzi, battaglia condotta con grande determinazione da Forza Italia, è cosa giusta e doverosa”

“Insieme alla tecnologia, per rendere la prevenzione ancora più efficace, si preveda l’introduzione di test psico-attitudinali per gli operatori tutti, a partire dagli insegnanti degli asili e delle scuole materne, fino ai professori degli istituti superiori”, lo dice l’onorevole Vincenza Labriola di Forza Italia e lo riporta Agenpress.

“Le violenze su minori all’interno dell’ambiente scolastico purtroppo accadono, a testimoniarcelo è la cronaca è solo di pochi giorni fa l’arresto di due maestre di una scuola materna a Parma, accusate di maltrattamenti, mentre un’insegnante è stata sospesa nel catanese per avere umiliato gli alunni.  È  doveroso e lecito chiedersi – conclude l’On. – cosa ci stia dietro ad atteggiamenti tanto inqualificabili. La risposte possono essere le più diverse, ma tutte hanno per comune denominatore la mancanza di un’attitudine, ossia la capacità e l’equilibrio necessari per educare un bambino. I test psico-attitudinali siano dunque la regola a garanzia dei giovani e dei giovanissimi”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione