Insegnanti italiani soddisfatti del proprio lavoro ma società non ne riconosce il valore

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

red – L’Italia nei dati Ocse – TALIS 2013: la grande maggioranza degli insegnanti italiani (94%) afferma che tutto sommato è soddisfatta del proprio lavoro (91% media Paesi TALIS).

red – L’Italia nei dati Ocse – TALIS 2013: la grande maggioranza degli insegnanti italiani (94%) afferma che tutto sommato è soddisfatta del proprio lavoro (91% media Paesi TALIS).

Dati del rapporto OCSE TALIS 2013

  • L’87 % dei docenti Italiani di secondaria di I grado ha fiducia nelle proprie capacità di saper motivare gli studenti che hanno scarso interesse per le attività scolastiche (70% Paesi TALIS, 71% Paesi UE); il 98% sente di saper portare gli studenti a credere nelle loro capacità di raggiungere buoni risultati (86% Paesi TALIS). La grande maggioranza degli insegnanti italiani (94%) afferma che tutto sommato è soddisfatta del proprio lavoro (91% media Paesi TALIS).
  • In contrasto con queste dichiarazioni, l’88% degli insegnanti italiani percepisce che l’insegnamento è scarsamente valorizzato nella società (69% Paesi TALIS, 81% Paesi UE), percezione condivisa dal 92% dei nostri dirigenti scolastici (56% Paesi TALIS). Invece, in Finlandia, nei Paesi Bassi, Singapore e Alberta (Canada) una percentuale tra 40-68% dei docenti sente che l’insegnamento è adeguatamente valorizzato. Questa percezione negativa sembra diminuire allorché aumenta la partecipazione degli insegnanti ai processi decisionali a livello di scuola.

Tullio De Mauro, ex Ministro dell’Istruzione, pochi giorni fa aveva aperto la strada, parlando di un sondaggio svolto in Francia che mette in evidenza come i docenti francesi non si sentano apprezzati e addirittura si sentano incompresi nel loro stesso ambiente familiare.

Segui su Facebook le notizie del mondo della scuola

Un s ondaggio del Stiftungsverband in collaborazione con McKinsey: svolto tra 500 ragazzi delle scuole tedesche che hanno fatto la maturità ha messo in evidenza che solo il 17% di quelli che hanno concluso il liceo con un voto “buono” o “ottimo” vorrebbe diventare insegnante.

Eppure si tratta di una professione che può dare soddisfazione, se è veritiero il sondaggio svolto dal CIDI su un campione di insegnanti significativo che dimostra come il rapporto diretto con bambini, ragazzi e giovani costituisce contemporaneamente una delle fonti di maggior riconoscimento e gratificazione di questo lavoro.

Anche la redazione di OrizzonteScuola.it ha avviato un sondaggio

Anche tu pensi di non essere apprezzato? Partecipa al nostro sondaggio su FaceBook

Il rapporto OCSE TALIS 2013

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO