Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Insegnante titolare sul sostegno: quando può chiedere trasferimento su posto comune?

Stampa

La titolarità sul sostegno implica l’obbligo di permanenza quinquennale su questa tipologia di posto. Per il trasferimento su posto comune bisogna superare il quinquennio

Un lettore ci scrive:

Sono un insegnante di sostegno entrato in ruolo nell’a.s. 2016/2017. Mi è possibile presentare domanda di trasferimento provinciale su “posto comune?

Il docente titolare sul sostegno è sottoposto al vincolo quinquennale e non potrà partecipare alla mobilità su posto comune per 5 anni a decorrere dall’anno scolastico di immissione in ruolo o, nel caso di mobilità, dall’anno scolastico del trasferimento sul sostegno da posto comune

Vincolo quinquennale sostegno, come condiziona la mobilità

Il vincolo quinquennale sul sostegno è stabilito nell’art. 23 del CCNI sulla mobilità, dove si chiariscono anche i criteri da utilizzare per il computo del quinquennio.

Ai fini del computo del quinquennio, come chiarisce il comma 8,  si considera  l’eventuale anno di decorrenza giuridica della nomina in ruolo e viene calcolato anche l’anno scolastico in corso.

Il docente nel quinquennio può partecipare alla mobilità solo per il sostegno

Il docente che ha superato il quinquennio può partecipare alla mobilità anche o soltanto per posto comune

Conclusioni

Il nostro lettore, titolare sul sostegno dall’anno scolastico 2016/17, con il corrente anno scolastico supera il quinquennio di permanenza su questa tipologia di posto, in quanto la normativa consente di valutare per il quinquennio l’anno scolastico in corso.

Il docente, quindi, potrà partecipare alla mobilità su posto comune per il prossimo anno scolastico 2021/22, chiedendo il trasferimento provinciale di suo interesse

 

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile