Insegnante legata, presa a calci e ripresa con il cellulare. Scuola shock, studenti sospesi per un mese

di redazione
ipsef

item-thumbnail

AGGIORNAMENTO 29 MARZO 2018 “Insegnante derisa, non legata” “vittime sono gli alunni”. Preside e genitori forniscono dettagli sulla vicenda 

Riportiamo le precisazioni presenti sul Corriere.it , che smentiscono l’accaduto così come riportato in un primo momento e forniscono dettagli su quanto accaduto in classe.

_______

ARTICOLO DEL 28 MARZo 2018

L’episodio viene riportato dalla Stampa e non è recente, anche se alcuni insegnanti tendono a minimizzare affermando che si tratti di un caso isolato.

Isolato o meno, si tratta di un caso grave, che denuncia ancora una volta il degrado presente nelle aule scolastiche, l’assoluta solitudine nella quale operano gli insegnanti, la deriva delle giovani generazioni che, pur non partecipando all’episodio, hanno ripreso l’atto con il telefono cellulare.

La punizione per tutti gli studenti della classe – scrive La Stampa – è stata di un mese di sospensione con l’obbligo di frequenza in aggiunta la pulizia dei cestini delle altre aule durante l’intervallo.

Ma altri docenti, lungi dal giustificare l’atto compiuto, avrebbero voluto sanzioni più severe, commisurate alla gravità dell’atto compiuto. Leggi l’articolo

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione