Insegnante legata e aggredita. I genitori scrivono comunicato: derisa e umiliata, ma non legata alla sedia

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La professoressa presa di mira da alcuni suoi allievi in una scuola superiore di Alessandria in realtà sarebbe stata derisa e offesa, ma non legata alla sedia.

E’ la versione che, nella serata, hanno dato i genitori degli studenti. Lo scrive l’Ansa.

“Vittima questa volta sono i ragazzi – scrivono in un comunicato che dicono ‘condiviso’ con la scuola – si sono visti descrivere come delinquenti, sono stati demonizzati ingiustamente. E’ vero che hanno mancato di rispetto ad una insegnante deridendola e non dando ascolto alle sue richieste, è vero che è intervenuto un ragazzo più grande a riportare ordine, ma è assolutamente falso ed infamante che l’insegnante sia stata legata su una sedia, che sia stata presa a calci e pugni la sedia stessa. Come è assolutamente falso che filmati dell’accaduto siano stati postati sui social”.

“Ci sono state risate di troppo” – dice il preside, “è stata derisa e le è stato mancato di rispetto”, ammettono i genitori, ma “non è assolutamente vero – sostengono entrambi – che è stata legata con lo scotch. E i ragazzi sono stati puniti e hanno compreso il loro comportamento non corretto”. Qualche video della scena è stato registrato, “ma è subito stato rimosso dai social”.

Insegnante legata, presa a calci e ripresa con il cellulare. Scuola shock, studenti sospesi per un mese

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione