Insegnante e mamma di un ragazzino autistico, chiedo a Faraone miglioramento delle tutele di legge. Lettera

Stampa

Gentile Redazione  Sono un insegnante della provincia di Messina immessa in Ruolo nella prov. di Lucca (Fase B) nella Classe AD00 con 37 Punti, a fronte di 168 punti maturati nella classi  A052 e Sostegno AD02. 

Gentile Redazione  Sono un insegnante della provincia di Messina immessa in Ruolo nella prov. di Lucca (Fase B) nella Classe AD00 con 37 Punti, a fronte di 168 punti maturati nella classi  A052 e Sostegno AD02. 

Il lungo periodo svolto in qualità di insegnante precaria nella provincia di Messina (cosi come l'alta posizione in Graduatoria) sono risultati penalizzanti rispetto a chi invece non aveva mai insegnato, e che e' stato “Stabilizzato” vicino casa con punteggi in graduatoria vicini allo Zero.

Il Ministero ha motivato il declassamento alla Classe AD00 con l'assenza di cattedre per le Classi A052 e di Sostegno nella provincia di Messina (e nella regione Sicilia).

Le risultanze dei Movimenti pubblicati in data 13 Agosto raccontano invece di tutt'altra storia. 

Si scopre infatti l'esistenza di un numero notevole di Cattedre (ben 54 sulla classe A052 e oltre 500 di Sostegno HH), dove hanno trovato collocazione numerosi docenti con punteggi bassissimi. (Vedasi Allegato A e B). Tra questi moltissimi docenti presentano punteggi di mobilità di gran lunga inferiori alla sottoscritta (che pur gode della precedenza ai sensi della legge 104).

Con la Mobilità inoltre avevo sperato (nonostante il plateale "declassamento") in un avvicinamento dal momento che, come accennato, sono titolare di Precedenza (ai sensi della Legge 104) per assistere uno dei miei 3 Figli affetto da Autismo grave. 

L'amara realtà e' che tale Diritto, nel mio caso, non e' stato preso in considerazione nonostante la disponibilità di ben 15 Cattedre AD00 assegnate nella mia provincia a seguito della Mobilità (e adesso mi ritrovo in provincia di Roma).

Come dire sono stata “Truffata Doppiamente”!!

Chiedo pertanto al'on. Faraone, sensibile alle questioni legate all'Autismo, come sia possibile che venga resa (da parte delle istituzioni) ancor più complicata l'esistenza già difficile e dolorosa di chi e' costretto a fronteggiare quotidianamente tali realtà.

Ci saremmo aspettati con il suo impegno un Miglioramento delle Tutele di Legge riguardante la situazione dei Disabili Autistici e delle loro Famiglie (peraltro già presenti con la Legge 104, e sempre applicati in tutti i Comparti dell'amministrazione Statale).

Non basta andare in giro a tagliare Nastrini o presenziare a Conferenze sulle problematiche dell'Autismo.

In qualità di Rappresentante delle Istituzioni, chiediamo all'on. Faraone di impegnarsi perlomeno a Rispettare (…e a far Rispettare) i Diritti dei Disabili, impegnandosi inoltre (come racconta di voler fare) a Migliorare le condizioni delle Famiglie che hanno figli affetti da Handicap, invece di favorire un loro drastico “peggioramento” (come sperimentato recentemente sulla nostra pelle).

Prof.ssa G.A. Dragà,

Docente e Mamma di ragazzino Autistico

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur