Insegnante di sostegno, TAR autorizza assunzione anche fuori graduatoria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’insegnante di sostegno deve essere in possesso di competenze specifiche,  in relazione alle esigenze dell’alunno con disabilità. Sentenza n. 5851 dell’11 ottobre 2018. 

Nonostante ciò l’alunna, nel corso degli anni, ha avuto al suo fianco solo insegnanti di sostegno con titolo di specializzazione polivalente o addirittura senza titolo.

L’Amministrazione si è difesa dimostrando tutte le iniziative messe in atto per reperire personale con titolo adeguato

Il ruolo dell’insegnante di sostegno

In mancanza di docenti di sostegno forniti della specifica specializzazione, l’amministrazione deve comunque, anche ricorrendo a canali diversi rispetto al mero attingimento dalle graduatorie, assicurare una figura di sostegno utile al superamento dell’handicap.

Dovendo costantemente relazionarsi con l’alunno, il docente deve possedere le conoscenze specifiche che consentano l’efficace ed ottimale espletamento della sua funzione. 

Diversamente – scrive il Consiglio di Stato – la figura dell’insegnante di sostegno potrebbe ridursi a mera ed inutile presenza.

Il Consiglio di Stato ha così evidenziato come lo scorrimento della graduatoria non è l’unico canale attraverso il quale reperire il personale docente. Leggi la sentenza   e il commento

Insegnante di sostegno si è licenziato perché non adeguato all’incarico

Solo qualche settimana fa avevamo raccontato la storia del docente supplente che si è licenziato in quanto non adeguato al ruolo che era richiamato a ricoprire, in quanto docente non specializzato.

Mancano gli insegnanti di sostegno

Gli appelli delle scuole si moltiplicano, e anche il Ministro ha ben presente il problema.  Bussetti “servono più insegnanti di sostegno”, ma anche continuità

Con i prossimi corsi di TFA sostegno saranno specializzati 40.000 docenti in tre anni.

Versione stampabile
anief
soloformazione