Insegnante con 6-8 classi come fa a prendere incarichi extra per guadagnare di più? Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dopo 9 anni il Ministro si compiace dei favolosi aumenti che non coprono neanche la metà dell’inflazione certificata dall’Istat.

Evidentemente il Ministro non è ben informata o non conosce le percentuali.

Ma il Ministro è scusabile perché ha poca esperienza mentre le single che hanno firmato un simile contratto perderanno migliaia di tesserati. Siamo in presenza di un rinnovo contrattuale che viola la Costituzione perché inferiore all’inflazione certificata. Aumenti penosi che ci fanno ancor più velocemente finire nella povertà come ha detto De Rita presidente del Censis. I professori sono destinati a diventare i nuovi poveri. Ovviamente tali aumenti ridicoli e offensivi hanno l’effetto di far diminuire del 6% e più le pensioni attuali e future. Ecco svelato il motivo di tanto ENTUSIASMO da parte di tutti tranne che i diretti interessati che si sentono presi in giro ancora una volta.

Eppure sono stati stanziati miliardi per il merito, ma come sempre SENZA indicare delle linee guida omogenne e di BUON SENSO. Non si capisce perché chi ha 100-150 alunni debba guadagnare come chi ne ha 60-80. Evidentemente la matematica non conta nulla e anzi funziona al contrario. È ovvio che avere 6-8 classi comporta un impegno moooolto maggiore di chi ne ha 3-4 ma nessuno fa nulla e così si va avanti come sempre è stato finora.

Ovviamente chi ha 100-150 alunni è materialmente impossibilitato se non vuole morire d’infarto o non abita a due passi dalla scuola a candidarsi per altri incarichi.

Altri incarichi che sono lautamente compensati fino a 70€ lorde l’ora e danno poi diritto ad ottenere bonus extra.

Luigi Previtera precario a vita.

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare