Insegnamento matematica e fisica per laureati in ingegneria: perché il Miur è così poco chiaro? Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Andrea Giglia – Volevo porre l’attenzione sull’annosa questione dell’accesso degli ingegneri all’insegnamento Matematica e Fisica alle superiori (classe A27).

I requisiti sono cambiati nel tempo, ma il Miur non è mai stato chiaro e ha spesso generato confusione anche tra le stesse segreterie scolastiche. Provando a riassumere: il DM 39/98 escludeva i laureati in ingegneria da questa c.d.c., che allora si chiamava 49/A, a eccezione dei laureati ante-2001, che invece potevano insegnarla.

Tuttavia, il successivo decreto DM 354/98 consentiva l’accesso anche ai laureati post-2001, a condizione che avessero sostenuto certi esami, specificati nel decreto. Sembrava, però, che riguardasse soltanto l’accesso a concorsi e abilitazioni, quindi non alla terza fascia. Anni dopo esce il D.P.R.19/2016. La classe da ora in poi si chiama A27 e di nuovo nella tabella dei titoli di accesso non c’è la laurea in ingegneria!! Si “salvano” solo ingegneria biomedica e ambientale nuovo ordinamento. Poi però esce il DM 259/2017 e all’articolo 5 viene chiarito che i docenti che all’entrata in vigore del D.P.R.19/2016 possiedono i titoli di studio stabiliti dal DM 22/2005 e dal DM 39/98 e ss.mm.ii. possono sia fare concorsi e abilitazioni, sia inserirsi nella graduatorie d’istituto di A27.

Quest’ultimo decreto chiarisce finalmente che concorsi, abilitazioni e terza fascia hanno le stesse regole. Resta però un dubbio: il DM 354/98, quello che consente l’accesso agli ingegneri, è successivo al DM 39/98, quindi è tra le ss.mm.ii. Perché allora la tabella annessa al DM 259/2017, che è la più recente, non menziona i laureati in ingegneria?

Rileggendo e interpretando il DM 259/2017 e in particolare l’art.5, sembra di capire che l’esclusione degli ingegneri riguarda solo chi acquisisce il titolo dopo l’entrata in vigore del decreto, mentre per chi ha acquisito i titoli prima del decreto, valgono ancora le vecchie regole. Tuttavia, perché non esplicitare questa differenza direttamente nella tabella per non generare equivoci?

Sono testimone diretto di numerosi errori delle segreterie che spesso hanno escluso ingiustamente ingegneri che avevano i requisiti per insegnare in questa classe.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione