Insegnamento discipline STEM, a breve le linee guida del Ministero. Le ultime notizie

WhatsApp
Telegram

Si attendono a breve le linee guida del Ministero dell’Istruzione e del Merito per quanto riguarda l’insegnamento delle discipline STEM a scuola. Vediamo cosa sappiamo finora in attesa del documento finale.

Quello del potenziamento delle discipline Stem  (Science, Technology, Engineering and Mathematics) nelle scuole di ogni ordine e grado è legato ad uno dei capisaldi del Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, ovvero al rafforzamento di quelle discipline a scuola che in qualche modo possano dare un primo orientamento diretto con il mondo del lavoro.

Questi provvedimenti sono al centro del nostro programma di valorizzazione dei talenti degli studenti e di lotta alla dispersione scolastica”, ha dichiarato recentemente il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara.

Il mondo del lavoro richiede sempre più competenze scientifiche e le nostre iniziative vanno nella direzione di colmare i divari territoriali e di genere, favorendo la ripartenza dell’ascensore sociale, fermo dagli anni Settanta”, aggiunge.

Le azioni principali previste dalle linee guida in arrivo sono:

-adozione di metodologie innovative, con una didattica che parta sempre più dalla realtà per arrivare alla teoria; attività di orientamento per individuare i talenti e le capacità di ognuno e supportare gli studenti e le famiglie nella scelta del percorso formativo;

– sviluppo delle competenze digitali e del pensiero computazionale; coinvolgimento degli studenti in progetti pratici e laboratoriali; maggiore utilizzo del problem solving;

– ricorso alla pianificazione individuale per la scelta degli argomenti di studio, anche in base alle preferenze dello studente; organizzazione di gruppi di lavoro per una didattica cooperativa;

– sviluppo del pensiero critico dei ragazzi di fronte alle sfide poste dalla società digitale.

Per la fascia 0-6 anni, riporta Il Sole 24 Ore, il potenziamento delle Stem si dovrà realizzare attraverso attività educative che incoraggiano il bambino ad un approccio matematico-scientifico-tecnologico al mondo naturale e artificiale che lo circonda.

Invece, nei gradi di scuola primaria e secondaria di primo grado, si dovrà insistere sull’uso della tecnologia in modo critico e creativo, sulla promozione di “creatività” e “curiosità”, sullo sviluppo dell’autonomia degli alunni e dei laboratori (in primis di matematica).

Infine, alla scuola secondaria di secondo grado, gli insegnanti dovrebbero far acquisire ai loro studenti le competenze tecniche specifiche attraverso l’utilizzo di strumenti e attrezzature, in laboratorio, in classe o “sul campo” (si fa anche riferimento ad attività di alternanza scuola-lavoro legate alle materie Stem).

Il decreto ministeriale con le linee guida è già passato al vaglio del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) che ha espresso parere favorevole.

Fra le segnalazioni di miglioramento, il CSPI più di tutti evidenzia un aspetto importante:  “fondamentale porre al centro la formazione specifica dei docenti, connettendo in un quadro organico le risorse e gli interventi previsti per raggiungere gli obiettivi prefissati e riconducendo le diverse linee di finanziamento ad un disegno coerente allo scopo“.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri