Insegnamento Costituzione, proposta legge a prima firma Pellegrino (SEL-SI)

WhatsApp
Telegram

Dichiarazione Pellegrino (SEL-SI) – “E’  cominciato a Udine, alcune settimane fa, durante  un incontro nel capoluogo friulano con Moni Ovadia, appassionato sostenitore dell’importanza e la necessità di insegnare la nostra Costituzione a scuola, il percorso che ha portato a presentare la proposta di legge “Disposizioni in materia di insegnamento della Costituzione Italiana nelle scuole della Repubblica italiana”, oggi illustrata in sala stampa della Camera dei deputati, e che già ha avuto la sottoscrizione di 40 parlamentari, appartenenti ai più diversi schieramenti politici”.

L’ha dichiarato la parlamentare Serena Pellegrino (SEL-SI) prima firmataria della proposta di legge che intende inserire lo studio della Costituzione tra le materie curricolari, quale disciplina autonoma da inserire nel quadro orario e soggetta, al pari delle altre, a valutazione finale.

“ Lo scopo della proposta di legge  è di far acquisire, già nella scuola dell’obbligo, attraverso la conoscenza e la comprensione della Legge fondamentale,  la consapevolezza di essere soggetti attivi e protagonisti della comunità civile.  Il testo normativo è volutamente ancora aperto – ha spiegato Pellegrino – così che nel percorso successivo anche gli enti intermedi e i diversi portatori di interesse possano migliorarlo e renderlo più efficace,  innanzitutto evitando il rischio che l’inserimento dello studio della Costituzione vada a detrimento degli spazi dedicati ad altri insegnamenti”.

“ Moni Ovadia, il padre spirituale di questa pdl, ci ha illustrato meglio di chiunque altro il senso di questa proposta di legge:  abbiamo lasciato che crescesse nel nostro paese una terribile ignoranza di ritorno, il sapere delle legge fondamentale è necessario,  è  venuto il momento che i nostri giovani siano formati alla straordinaria idea di civiltà che promana dalla nostra Costituzione.”

Ha concluso Pellegrino: “ Faccio interamente mia una delle conclusioni di Ovadia, e cioè che la resistenza antifascista è stata un evento sacrale, che ha prodotto un nuovo patto per l’umanità, contenuto nella costituzione repubblicana e nella Carta internazionale dei diritti dell’uomo, scritta guardando alla nostra Costituzione.”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur