Argomenti Guide

Tutti gli argomenti

Inps, il Pin va in pensione: dal 1° ottobre si passa a Spid. Come avviene il passaggio [GUIDA e VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Dal 1° ottobre il Pin Inps lascia il passo a Spid, il Sistema Pubblico di identità digitale che permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione.

I Pin degli utenti conserveranno la loro validità e potranno essere rinnovati alla naturale scadenza fino alla conclusione della fase transitoria.

Il Pindispositivo resterà attivo per i minori di 18 anni, le persone che non hanno documenti di identità italiana o le persone soggette a tutela, curatela o amministrazione di sostegno.

Modalità di passaggio

La circolare Inps n. 87 del 17 luglio 2020 spiega il passaggio graduale dal Pin allo Spid.

Al fine di consentire il passaggio graduale dell’utenza verso le credenziali Spid, garantendo la continuità della possibilità di accesso ai servizi dell’Istituto, lo switch-off dal Pin allo Spid sarà preceduto da una fase transitoria, che avrà inizio il 1° ottobre 2020 e nel corso della quale:

  • non saranno rilasciati nuovi Pin agli utenti, salvo quelli richiesti da utenti che non possono avere accesso alle credenziali Spid e per i soli servizi loro dedicati;
  • i Pin già in possesso degli utenti conserveranno la loro validità e potranno essere rinnovati alla naturale scadenza fino alla conclusione della fase transitoria.

In base all’andamento del processo di onboarding su Spid, l’Istituto, di concerto con il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, l’Agide il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, fisserà la data di cessazione definitiva di validità dei Pin rilasciati dall’Inps.

Spid: cos’è, come richiederlo

Spid è gratuito. L’identità Spid è costituita da credenziali con caratteristiche differenti in base al livello di sicurezza richiesto per l’accesso ed esistono tre livelli di sicurezza.

Per richiedere Spid è necessario collegarsi al sito www.spid.gov.it e avere:

  • un indirizzo e-mail
  • il numero di telefono del cellulare che usi normalmente
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente)
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale

Per ottenere Spid bisogna scegliere uno tra gli Identity provider e registrarsi sul loro sito.
La registrazione consiste in 3 step:

  • Inserisci i dati anagrafici
  • Crea le tue credenziali Spid
  • Effettua il riconoscimento

I tempi di rilascio dell’identità digitale dipendono dai singoli Identity Provider. Vai alla Guida completa

Video Tutorial

Riconoscimento di persona

Riconoscimento online

Riconoscimento via webcam

 

 

Ricordiamo infine che gli strumenti di autenticazione elettronica attualmente utilizzabili in alternativa al Pin per accedere ai servizi offerti sul portale Inps sono i seguenti:

  • Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid)
  • Carta d’Identità Elettronica (Cie)
  • Carta Nazionale dei Servizi (Cns).

L’utenza Spid è necessaria anche per la Carta del docente di 500 euro.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur