Inizio scuola, Renzi all’attacco: “Atavico il problema dei docenti di sostegno, dobbiamo risolverlo”

Stampa

“Il problema della mancanza degli insegnanti di sostegno ce lo portiamo dietro da tanto tempo, non da oggi, e credo che affrontarlo e risolverlo sia un dovere, senza strumentalizzazioni e sciacallaggi politici”.

Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva, a proposito della vicenda di un alunno di 6 anni con sindrome di Down di Pontedera (Pisa) che ha dovuto rinviare il suo primo giorno di scuola per la mancanza di un insegnante di sostegno che lo potesse seguire.

“Purtroppo sono episodi vergognosi che però si ripetono tutti gli anni, non è la prima volta che accade”, ha osservato Renzi, a margine di una iniziativa a Fucecchio (Firenze) a sostegno di Eugenio Giani. “Io penso che l’obiettivo sia quello di risolvere il problema – ha aggiunto – non di fare polemiche, né di fare strumentalizzazioni, né di fare sciacallaggio, lo dico da zio di una bambina che ha la sindrome di Down”.

Stampa

1,60 punti per il personale ATA a soli 150€, con CFI!