Inizio scuola, Giovannini: “Covid ha incrementato utilizzo del mezzo privato, ma la ‘mobilità dolce’ non decolla”

Stampa

Le violazioni sulla rete nazionale dei treni a lunga percorrenza dove è richiesto il Green Pass sono “nell’ordine delle poche decine, meno di cento al giorno”.

Così il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, in audizione davanti alla commissione Trasporti alla Camera.

“Il ministero effettua un monitoraggio giornaliero dei controlli e delle violazioni per i treni a lunga percorrenza. Il 99,8% dei passeggeri esibisce il Green Pass al momento del controllo sul treno“, ha illustrato.

Poi aggiunge: “il Covid sta incrementando l’uso del mezzo privato, ma la mobilità dolce non decolla. Per gli spostamenti scuola lavoro, aumenta il ricorso al mezzo privato ma solo quello a motore. La mobilità dolce non decolla e si riduce in modo significativo l’uso del trasporto pubblico. Anche in coloro che non si muovono per lavoro o scuola diminuirà l’uso del mezzo pubblico”.

E ancora: “I servizi aggiuntivi previsti per l’autunno 2021 sono pari a 3,4 volte quelli messi in campo a settembre 2020. Sono previsti  servizi aggiuntivi per complessive 44.445.637 vetture/km, a fronte di un valore pari a 13.240,237 vetture/km aggiuntive messe in campo a settembre 2020”.

“I dati – ha affermato – smentiscono chi ritiene che il governo e le regioni non abbiano fatto uno sforzo straordinario e che tutto è come lo scorso anno”.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione