Inizio scuola: Dad solo in zona rossa e arancione, niente mascherina per ed. fisica all’aperto. Piano Sicilia

Stampa

L’Usr per la Sicilia pubblica le indicazioni organizzative e di sicurezza per l’avvio dell’anno scolastico. Il Piano riprende sostanzialmente quello del ministero dell’Istruzione: si va dal controllo del Green pass all’attività in palestra, ai viaggi di istruzione solo tra aree bianche. La nota si chiude con dei suggerimenti metodologici per l’anno scolastico 2021/22.

Didattica in presenza obiettivo prioritario

I Presidenti delle regioni e i Sindaci possono disporre la deroga all’attività didattica in presenza solo nei casi e alle condizioni espressamente indicate dall’art. 1, comma 4, del decreto legge:
▪ per specifiche aree del territorio o per singoli istituti, esclusivamente in zona rossa o arancione, e solo in presenza di circostanze di eccezionale e straordinaria necessità dovuta all’insorgenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica;

▪ i provvedimenti devono essere motivatamente adottati, sentite le competenti autorità sanitarie e nel rispetto dei principi di adeguatezza e proporzionalità, in particolare con riferimento al loro ambito di applicazione;
▪ deve essere garantita in ogni caso la possibilità di svolgere attività in presenza, qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Attività in palestra
Per quanto riguarda le attività didattiche di educazione fisica/scienze motorie e sportive all’aperto, il protocollo di sicurezza non prevede in zona bianca l’uso di dispositivi di protezione da parte degli studenti, salvo il distanziamento interpersonale di almeno due metri. Per le stesse attività da svolgere al chiuso, è raccomandata l’adeguata aerazione dei locali.

Viaggi di istruzione e uscite didattiche
Il “Piano scuola 2021/2022” prevede che le istituzioni scolastiche che hanno sede in territori dichiarati zona bianca possano effettuare uscite didattiche e viaggi di istruzione, a condizione che si permanga in aree del medesimo colore.

L’accesso ad alcuni servizi ed attività, tra cui musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre, convegni e congressi e
centri culturali, è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19.

Piano completo

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”