Inizio scuola 2022: stop mascherine e obbligo vaccinale per il rientro in classe. Le nostre FAQ

WhatsApp
Telegram

Mancano pochi giorni all’inizio dell’anno scolastico 2022/2023 e, nonostante il covid non sia debellato, si tornerà in classe praticamente senza le restrizioni degli anni precedenti, salvo nuovi interventi del Governo. Il Ministero dell’Istruzione ha fornito delle indicazioni per il rientro, sulla scorta delle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità pubblicate pochi giorni fa. Ecco le FAQ a cura della nostra redazione.

Sono quindi esaurite le misure emergenziali anti-covid?

Si. Con la nota 1998 del 19 agosto il ministero dell’Istruzione chiarisce che, alla data attuale, le misure emergenziali esauriscono la loro validità al 31 agosto 2022 e, in assenza di ulteriore specifiche proroghe o rinnovi, non prolungano i loro effetti nel prossimo anno scolastico 2022/2023, compreso l’obbligo vaccinale, comunque già scaduto il 15 giugno scorso.

Non ci sarà alcun piano scuola quindi?

No. Il Ministero precisa che non sarà varato il Piano per la prosecuzione delle attività scolastiche, educative e formative nelle istituzioni del sistema nazionale di istruzione.

Se il quadro epidemiologico dovesse cambiare, protocolli e linee guida potrebbero essere modificati?

L’articolo 3 del decreto-legge n. 24/2022 ha previsto che, fino al 31 dicembre 2022, il Ministro della Salute, di concerto con i Ministri competenti per materia o d’intesa con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, può adottare e aggiornare linee guida e protocolli volti a regolare lo svolgimento in sicurezza dei servizi e delle attività economiche, produttive e sociali.

Sarà ancora valido l’obbligo vaccinale?

Anche in questo caso, il Ministero precisa che le disposizioni emergenziali esauriscono la loro validità al 31 agosto 2022 e, in assenza di ulteriore specifiche proroghe o rinnovi, non prolungano i loro effetti nel prossimo anno scolastico 2022/2 023. Peraltro, ricorda l’amministrazione, l’obbligo vaccinale per il personale scolastico era già decaduto il 15 giugno scorso. Dunque, per l’anno scolastico 2022/2023, salvo nuove indicazioni del Governo, non ci sarà alcun obbligo vaccinale anti covid per il personale scolastico.

In caso di alunni positivi si potrà richiedere la DAD?

Posto che i provvedimenti sanitari di isolamento per i soggetti positivi all’infezione da SARS Cov – 2 sono ancora in vigore e  prevedono 7 giorni per i vaccinati con terza dose o che hanno completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni e 10 giorni per i non vaccinati e coloro che hanno completato il ciclo vaccinale o sono guariti da oltre 120 giorni, la gestione del caso positivo attiene sempre al DL n. 24/2022,  che ha previsto che gli alunni in isolamento possano seguire l’attività scolastica nella modalità della didattica digitale integrata su richiesta della famiglia o dello studente se maggiorenne (abrogata la parte relativa alla necessità di un certificato medico che attestasse la possibilità di seguire la DAD). La norma, come abbiamo spiegato in un precedente articolo, quindi prevede ancora la DAD per lo studente positivo.

Nella giornata del 28 agosto una FAQ del Ministero ha invece chiarito che la DAD non può essere richiesta in caso di alunni positivi al covid. 

Aerazione delle aule: cosa si prevede?

Il dirigente scolastico richiede alle Autorità competenti (Dipartimenti di prevenzione delle ASL e ARPA) di effettuare le attività preliminari di monitoraggio della qualità dell’aria e di individuare le soluzioni più efficaci da adottare …”. Sulla base degli esiti della predetta attività, il Dirigente scolastico richiede all’ente proprietario dell’edificio di attivarsi per porre in essere gli interventi necessari, proposti da ASL e ARPA, secondo quanto previsto dalla normativa.

Linee guida ISS – Scuola primaria e secondaria

Le linee guida formulate dall’Istituto Superiore di Sanità prevedono due scenari: una situazione ordinaria e una straordinaria nel caso in cui la situazione epidemiologica dovesse mutare in negativo.

Gestione ordinaria

Quando non è consentito agli studenti l’ingresso a scuola?

Se lo studente presenta sintomatologia compatibile con il COVID-19 l’ingresso a scuola non sarà consentito.

In caso di sintomi elencati dall’ISS:

  • sintomi respiratori acuti con tosse e raffreddore con difficoltà respiratorie
  • vomito
  • diarrea (tre o più scariche con feci semiliquide o liquide)
  • perdita del gusto, perdita dell’olfatto

e/o

  • temperatura corporea superiore a 37,5

e/o

  • test positivo

Quando è consentito agli studenti l’ingresso a scuola?

  • in assenza della sintomatologia da COVID
  • con sintomi respiratori di lieve entità, ma senza febbre

Cosa fare in caso di studente con raffreddore?

Lo studente dovrà rimanere in classe utilizzando la mascherina FFP2

Quando sarà necessario l’uso della mascherina durante la gestione ordinaria?

L’obbligo delle mascherine, a  meno di un cambiamento di orientamento legislativo, scadrà con la fine dell’anno scolastico 2021/22. L’ISS non ritiene necessario l’uso generalizzato in caso di gestione ordinaria.

L’utilizzo dei dispositivi di protezione respiratoria (FFP2) è prevista per:

  1. personale scolastico a rischio di sviluppare forme severe di COVID
  2. alunni a rischio di sviluppare forme severe di COVID

Quali misure per areazione e pulizia dei locali?

L’ISS consiglia:

  1. un ricambio d’aria frequente
  2. sanificazione ordinaria (periodica) secondo le indicazioni del rapporto ISS n. 12 del 2021
  3. sanificazione straordinaria, in presenza di casi confermati, secondo il rapporto 12 del 2021

Ci sarà disponibilità di personale ATA aggiuntivo?

Si tratta al momento di una richiesta da parte dell’ISS inserita tra le risorse necessarie per garantire una corretta sanificazione straordinaria dei locali.

Cosa bisogna fare se c’è un caso sospetto?

Il personale o lo studente dovrà essere accompagnato nella stanza dedicata di isolamento (la cosiddetta “stanza COVID”). Nel caso di alunni minorenni devono essere avvisati i genitori. I soggetti interessati dovranno raggiungere la propria abitazione eseguire le indicazioni del MMG/PLS

Quando potranno rientrare in classe i soggetti che hanno avuto esito positivo del tampone?

Per il rientro a scuola sarà necessario l’esito negativo del test al termine dell’isolamento previsto.

Gestione straordinaria, in caso di necessità di contenimento della circolazione del virus

Cosa bisognerà fare secondo l’ISS in caso di necessità di misure aggiuntive per il contenimento?

  1. Utilizzo delle mascherine FFP2 sia in posizione statica che dinamica per studenti, personale e chiunque acceda ai locali
  2. Distanziamento di almeno un metro dove possibile
    • spazi comuni,
    • aree di ricreazione,
    • corridoi,
    • attività extracurriculari
  3. prevedere percorsi per muoversi all’interno degli istituti
  4. limitare gli assembramenti
  5. privilegiare attività all’aperto
  6. sanificare settimanalmente secondo le indicazioni del rapporto ISS n. 12 del 2021
  7. sospendere visite guidate e uscite didattiche
  8. turnare per usufruire delle mense
  9. consumare al banco le merende

Si potranno concedere palestre e altri locali scolastici a terzi?

Sì, ma con regolamento di obbligo di pulizia approfondita e sanificazione da non porre in carico al personale scolastico.

Linee guida ISS – Scuola dell’infanzia

Gestione ordinaria

Quando non è consentito agli studenti l’ingresso a scuola?

Se lo studente presenta sintomatologia compatibile con il COVID-19 l’ingresso a scuola non sarà consentito.

In caso di sintomi elencati dall’ISS:

  • sintomi respiratori acuti con tosse e raffreddore con difficoltà respiratorie
  • vomito
  • diarrea (tre o più scariche con feci semiliquide o liquide)
  • perdita del gusto, perdita dell’olfatto

e/o

  • temperatura corporea superiore a 37,5

e/o

  • test positivo

Quando è consentito agli studenti l’ingresso a scuola?

  • in assenza della sintomatologia da COVID
  • con sintomi respiratori di lieve entità, ma senza febbre

Cosa fare in caso di bambino con raffreddore?

A differenza che negli altri ordini e gradi di scuola, per i bambini dell’Infanzia non sarà necessario l’utilizzo della mascherina.

Quando sarà necessario l’uso della mascherina durante la gestione ordinaria?

L’obbligo delle mascherine, a  meno di un cambiamento di orientamento legislativo, scadrà con la fine dell’anno scolastico 2021/22. L’ISS non ritiene necessario l’uso generalizzato in caso di gestione ordinaria.

L’utilizzo dei dispositivi di protezione respiratoria (FFP2) è prevista per:

  1. personale scolastico a rischio di sviluppare forme severe di COVID
  2. personale scolastico che esprime la volontà di proteggersi da eventuale infezione da COVID

A differenza che negli altri ordini e gradi di scuola, per i bambini dell’infanzia non sarà necessario l’utilizzo della mascherina.

Quali misure per areazione e pulizia dei locali?

L’ISS consiglia:

  1. un ricambio d’aria frequente
  2. sanificazione ordinaria (periodica di ambienti, superfici, arredi, oggetti quali fasciatoi, seggioloni, lettini, giochi etc.) secondo le indicazioni del rapporto ISS n. 12 del 2021
    • in particolare, i giochi che vengono messi in bocca dai bambini, dopo la sanificazione dovranno essere lavati e lasciati ad asciugare
  3. sanificazione straordinaria, in presenza di casi confermati, secondo il rapporto 12 del 2021

Ci sarà disponibilità di personale ATA aggiuntivo?

Si tratta al momento di una richiesta da parte dell’ISS inserita tra le risorse necessarie per garantire una corretta sanificazione straordinaria dei locali.

Cosa bisogna fare se c’è un caso sospetto?

Il personale o il bambino dovrà essere accompagnato nella stanza dedicata di isolamento (la cosiddetta “stanza COVID”). Per quanto riguarda i bambini devono essere avvisati i genitori. I soggetti interessati dovranno raggiungere la propria abitazione eseguire le indicazioni del MMG/PLS

Quando potranno rientrare in classe i soggetti che hanno avuto esito positivo del tampone?

Per il rientro a scuola sarà necessario l’esito negativo del test al termine dell’isolamento previsto.

Gestione straordinaria, in caso di necessità di contenimento della circolazione del virus

Cosa bisognerà fare secondo l’ISS in caso di necessità di misure aggiuntive per il contenimento?

  1. Distanziamento di almeno un metro
  2. Prevedere gruppi stabili di bambini per svolgere le attività educative, compatibilmente con gli spazi disponibili e le potenzialità organizzative
  3. Uso controllato dei bagni in modo da evitare affollamenti
  4. Evitare uso promiscuo dei giocattoli tra gruppi diversi, evitando che vengano portati alla bocca
  5. No giochi e oggetti da casa
  6. Organizzare spazi di accoglienza all’esterno
  7. Sanificare gli ambienti secondo un cronoprogramma definito
  8. Disinfettare le superfici toccate più frequentemente almeno una volta al giorno
  9. Stop ad uscite didattiche
  10. Uso delle mascherine FFP2 per il personale
  11. Uso delle mascherine chirurgiche o FFP2 per chi accede ai locali o vi permanga, fatta eccezione per i bambini
  12. Somministrare pasti nelle mense limitando la promiscuità tra i gruppi di bambini
  13. Far consumare la merenda negli spazi dedicati ai singoli gruppi di bambini

NOTA MI [PDF]

SCARICA LE INDICAZIONI ISS [PDF]

SCARICA LE INDICAZIONI ISS SCUOLA INFANZIA [PDF]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur