Inizio anno scolastico, Uil: in Lombardia 7433 cattedre da coprire con supplenze, altro che fine della “supplentite”

Stampa

Uil – L’algoritmo utilizzato dal MIUR per l’assegnazione degli ambiti ai docenti ha creato una situazione caotica e difficilmente governabile. Erano necessarie regole trasparenti e criteri certi per regolamentare la mobilità straordinaria dei docenti ed invece si e’ utilizzato un sistema che non ha funzionato creando situazioni paradossali quali trasferimenti di numerosi docenti a centinaia di chilometri nonostante in domanda avessero indicato ambiti con sedi che poi sono rimaste libere. 

Uil – L’algoritmo utilizzato dal MIUR per l’assegnazione degli ambiti ai docenti ha creato una situazione caotica e difficilmente governabile. Erano necessarie regole trasparenti e criteri certi per regolamentare la mobilità straordinaria dei docenti ed invece si e’ utilizzato un sistema che non ha funzionato creando situazioni paradossali quali trasferimenti di numerosi docenti a centinaia di chilometri nonostante in domanda avessero indicato ambiti con sedi che poi sono rimaste libere. 

Di fatto le procedure attuate hanno generato effetti negativi ledendo diritti personali e professionali tanto che si potrebbe rilevare giuridicamente una palese illegittimità nella gestione amministrativa.

Come UIL Scuola Lombardia nei prossimi giorni saremo impegnati a rappresentare i nostri associati nelle conciliazioni richieste dai docenti danneggiati nei trasferimenti, che si terranno agli UST, per verificare in quali casi l’amministrazione sarà in grado di offrire una proposta accettabile o meno, non essendo la stessa negoziabile. Nei casi di mancata conciliazione saremo costretti a presentare ricorso con procedura d’urgenza al giudice ordinario.

Il risultato finale che si prefigura in Lombardia dopo i trasferimenti è comunque quello che avremo migliaia di posti vacanti – attualmente 7433 fra tutti i gradi e ordine di scuole – che dovranno essere coperti con supplenti, frutto dell’attuazione della Legge 107/2015 che tra i punti dirimenti aveva quello di “eliminare il precariato”.

La scuola in Lombardia che secondo il calendario scolastico regionale dovrà partire con le lezioni il 12 settembre con quali docenti si avvierà?

Le procedure concorsuali che dovevano ultimarsi in tempo utile per poter effettuare le nomine in ruolo dalle relative graduatorie definitive per i contingenti stabiliti dal MIUR sono in grave ritardo a causa di numerose dimissioni di componenti delle varie commissioni d’esami e per le difficoltà da parte dell’USR Lombardia a reperire nuovi commissari, poco motivati ad accettare l’incarico per i compensi economici irrisori previsti.

Nel frattempo alle prove scritte in tante classi di concorso la percentuale di bocciature che si è rilevata è altissima: per la scuola primaria solo il 30% dei partecipanti è stato ammesso agli orali; per la lingua straniera inglese il 9,6% e così via! Qualcosa sicuramente non ha funzionato.

Si evidenzia infine che i docenti partecipanti al concorso sono tutti abilitati e la situazione paradossale che si verrà a creare sarà quella che moltissimi “bocciati”, inclusi nelle varie graduatorie per supplenze, saranno destinatari di contratti di supplenza annuale e andranno a coprire le migliaia di posti che rimangono vacanti, non potendoli assegnare ai vincitori di concorso per i contingenti autorizzati e non avendoli coperti con la mobilità straordinaria.

Se questa è la “buona scuola”……

Milano, 31 agosto 2016               

Carlo Giuffrè

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur