Inizio anno scolastico, cattedre ancora scoperte causa Riforma e ricorsi

di Nino Sabella
ipsef

Inizio dell’anno scolastico ancora in salita per le numerose cattedre scoperte, in attesa della nomina dei supplenti.

In diversi nostri articoli delle settimane e giorni scorsi, abbiamo riportato le difficoltà a reperire supplenti nelle varie province d’Italia, cui aggiungiamo oggi la situazione creatasi ad Empoli ove numerose cattedre sia della scuola dell’infanzia e primaria che della scuola secondaria sono tuttora senza docente, con tutte le conseguenze negative del caso.

Le cattedre scoperte rappresentano un danno sia per i supplenti da nominare sia soprattutto per gli allievi che, a due mesi ormai dall’inizio delle lezioni, attendono ancora i loro docenti.

A Empoli, come apprendiamo da “Il Tirreno” edizione di Empoli, mancano i supplenti incaricati (al 31/08 o al 30/06) son tuttora vuote 50 cattedre circa mentre alla scuola secondaria tra 20 e 30.

Per la primaria e l’infanzia, i ritardi nelle nomine dei supplenti annuali o al termine delle attività didattiche sono causati dai ricorsi dei diplomati magistrali inseriti in GaE con riserva e per questo l’USP ha deciso di sospendere le nomine e attendere la sentenza del TAR Toscana, che si pronuncerà il 16 novembre p.v. (ricordiamo però che il CdS ha predisposto – come anche il Miur nella circolare sulle supplenze – che ai candidati inseriti con riserva si debba attribuire l’incarico con la clausola risolutiva in caso di esito negativo della sentenza).

Per la scuola secondaria, i ritardi sono causati dal fatto che le assegnazioni provvisorie si sono concluse da poco, per cui si attendevano tali operazioni per procedere alle nomine da GaE.

Intanto, i dirigenti scolastici hanno provveduto alla meglio, riducendo l’orario settimanale, utilizzando il personale del potenziamento o nominando supplenti sino all’avente diritto.

Diplomati magistrale in GaE, spettano supplenze e ruoli anche con riserva. Anief: CdS commissaria il Miur

Versione stampabile
anief
soloformazione