Inizio anno, Anquap: “Segreterie nel caos. Che aspetta Bianchi a convocarci?”

Stampa

Segreterie senza personale e dirigenti scolastici senza assistenti amministrativi. L’anno scolastico non può certo iniziare in questo modo: gli uffici sono nel caos. A lanciare l’allarme è l’Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri Amministrazioni Pubbliche.

Da troppo tempo – sottolinea il presidente Giorgio Germani – abbiamo chiesto un incontro al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Allo stato attuale nessuno ha risposto. Noi abbiamo bisogno di esporre e risolvere i problemi urgenti del personale amministrativo. Siamo costretti a ricordare il superfluo: ossia che tutte le procedure sulla gestione e il funzionamento della scuola passano dagli uffici di segreteria, non in ultimo anche quelle relative all’attuazione delle misure e delle regole di sicurezza per il contenimento della diffusione del Covid”.

Cosa aspetta – continua Germani – il ministro a riceverci? Lo abbiamo più volte sollecitato ricordandogli che siamo un’associazione che da subito è stata accanto al ministero nell’affrontare la situazione emergenziale: dai vaccini al green pass. Ora però riteniamo che sia giunto il momento, ed è già troppo tardi, di affrontare la drammatica situazione del personale scolastico e di rivedere nello specifico gli organici, il reclutamento, la carriera, lo stato giuridico e il trattamento economico dei direttori Sga e di tutto il personale Ata”.

Sarà fondamentale, inoltre, affrontare tematiche come la governance e il dimensionamento delle scuole, l’organizzazione e il funzionamento amministrativo e contabile, l’inserimento dei Dsga nell’area di elevata qualificazione prevista recentemente dalla legge. Ormai siamo in uno stato emergenziale, Bianchi ci deve convocare ora”, conclude il presidente Anquap.

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”