Iniziative Precari della Scuola Febbraio – Giugno 2010

Di Lalla
Stampa

inviato da Brunello Arborio – In data 31 gennaio 2010, presso Palazzo Armieri di Napoli, si è riunita l’assemblea nazionale dei precari della scuola.
Dopo un ampio dibattito, i presenti condividono ad ampia maggioranza la proposta di intraprendere un percorso di lotta che sfoci nello sciopero degli scrutini finali di giugno. Tale percorso si articolerà nelle seguenti iniziative:

inviato da Brunello Arborio – In data 31 gennaio 2010, presso Palazzo Armieri di Napoli, si è riunita l’assemblea nazionale dei precari della scuola.
Dopo un ampio dibattito, i presenti condividono ad ampia maggioranza la proposta di intraprendere un percorso di lotta che sfoci nello sciopero degli scrutini finali di giugno. Tale percorso si articolerà nelle seguenti iniziative:

– Picchetti e volantinaggio davanti alle scuole

– Assemblee scolastiche e territoriali, finalizzate ad informare e a promuovere lo
sciopero degli scrutini

– Creazione di comitati misti (genitori-studenti-docenti-Ata)

– Occupazioni e autogestioni delle scuole

– Boicottaggio dell’adozione dei libri di testo

Durante i vari interventi è emersa la necessità di proseguire il lavoro di controinformazione, sensibilizzazione e mobilitazione attraverso:

– Il boicottaggio dell’approvazione/chiusura dei bilanci degli istituti

– La presenza durante le riunioni delle commissioni scolastiche di studio/valutazione della Riforma

– Picchetti e sit-in durante le Conferenze dei servizi dei dirigenti scolastici

– Partecipazione e volantinaggi nelle giornate di Open Day per sensibilizzare i genitori

– Non collaborazionismo nell’applicazione della riforma e nelle attività extracurricolari, cioè non previste dal CCNL (viaggi di istruzione, corsi di recupero e sportelli didattici, progetti, ecc.).

L’assemblea aderisce allo sciopero nazionale della scuola indetto per il 12 marzo.

Nell’esprimere la volontà di collegare la lotta dei precari della scuola a quella degli altri lavoratori che subiscono la crisi, e per sostenere politiche di rivendicazione del reddito, l’assemblea aderirà alle iniziative di protesta del 1 marzo, per sostenere i lavoratori migranti.

Durante il dibattito, infine, sono state proposte anche le seguenti iniziative territoriali:

– "Tre giorni (o una settimana) senza di noi"

– Sit-in davanti alle sedi Rai

– Creazione di una cassa comune di resistenza per il mutuo sostegno dei lavoratori della scuola

– Mappature territoriali delle scuole, ed eventuali interventi legali sulla sicurezza e sul non rispetto del diritto allo studio degli alunni diversamente abili e non

– Ricorso alla Corte di Giustizia Europea, per il riconoscimento di pari diritti ai docenti precari

– Iniziative di protesta durante il Carnevale

– Ponte umano

Erano presenti i seguenti coordinamenti:

Napoli, Milano: Coordinamento 3 ottobre, Mantova, Roma, Marche, Agrigento,Palermo, Pescara, Terni, Catania, Bari, Foggia, Taranto, Lecce, Ravenna, Bologna, Firenze, Benevento, Milano: Movimento Scuola Precaria, Milano: Presidio Permanente. Comitato Docenti e ATA Precari Cobas Salerno, Cagliari, Precari scuola Cobas Roma, Precari scuola Cobas Napoli, Precari scuola Cobas Palermo, Venezia: Rete organizzata docenti e Ata precari, Cobas Caserta, Precari Cobas Cagliari, Precari Cobas Molfetta.

C.P.S. NAZIONALE

PRECARI SCUOLA COBAS

PRECARI SCUOLA IN LOTTA

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile