Inizia il percorso di formazione e tirocinio dei Dirigenti Scolastici neo-assunti

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Miur – La leadership educativa come capacità di gestire le risorse umane e finanziarie, l’attenzione ai dati e l’orientamento ai risultati. Sono solo alcuni dei temi che domani saranno al centro del seminario nazionale con il quale inizierà, a Roma, il percorso di formazione e tirocinio per i docenti vincitori dell’ultimo concorso a dirigente scolastico.

Miur – La leadership educativa come capacità di gestire le risorse umane e finanziarie, l’attenzione ai dati e l’orientamento ai risultati. Sono solo alcuni dei temi che domani saranno al centro del seminario nazionale con il quale inizierà, a Roma, il percorso di formazione e tirocinio per i docenti vincitori dell’ultimo concorso a dirigente scolastico.

Il percorso, dalla durata complessiva di 75 ore, prevede attività di formazione dal vivo e a distanza, oltre a un periodo di tirocinio che sarà svolto quotidianamente dal neo-dirigente scolastico presso l’istituto sede di servizio. Le attività riguarderanno ben 845 dirigenti Scolastici appena assunti e si concluderanno entro il prossimo mese di giugno.

"Questo percorso di formazione – commenta il ministro Profumo che domani parteciperà al seminario nazionale – evidenzia la particolare attenzione riservata dall’amministrazione, sia centrale che periferica, nei confronti dei dirigenti scolastici. Si tratta – aggiunge – di un ruolo che negli ultimi anni è cambiato radicalmente, richiedendo sempre più impegno, responsabilità e professionalità, requisiti necessari per una scuola di qualità e per proseguire il processo di innovazione e qualificazione dell’offerta formativa".

La formazione dal vivo

Il seminario di domani è la prima fase del percorso di formazione dei nuovi dirigenti che, in sede nazionale, darà la possibilità ai corsisti di conoscersi tra loro ed entrare in contatto direttamente con il Ministro, con i riferimenti istituzionali dell’Amministrazione centrale, dell’Indire e dell’Invalsi, e con esperti in ambito nazionale e internazionale.

L’incontro nazionale è un’iniziativa mai realizzata prima in Italia a cui prenderanno parte, oltre al Ministro Profumo, anche i Sottosegretari Marco Rossi-Doria e Elena Ugolini, il Capo dipartimento del Miur Lucrezia Stellacci,
l’Executive Director W. B. Piero Cipollone, il Commissario Invalsi Paolo Sestito, Philip Hallinger dell’Hong Kong Institute of Education e Bert Creemers dell’University of Groningen.

Seguiranno i due seminari interregionali e le attività della fase regionale, definite dagli Uffici Scolastici Regionali di appartenenza. I primi hanno la finalità di fornire ai dirigenti Scolastici e ai referenti degli USR gli strumenti
di lavoro comuni su tutto il territorio nazionale. In particolare, un format sul rapporto di autovalutazione, un set di obiettivi, di indicatori e target di riferimento e un modello di piano di miglioramento. I dirigenti neo-assunti verranno suddividi per macroregioni. Il primo seminario si terrà entro Dicembre, il secondo entro Maggio. Per quanto riguarda, invece, le attività regionali ogni USR si organizzerà in modo autonomo, tenendo presenti le specificità dei singoli contesti territoriali, anche attraverso forme di integrazione con Università e Centri di formazione e ricerca.

La formazione a distanza

La formazione a distanza, gestita direttamente dall’Indire, ha una durata complessiva di 20 ore durante le quali i corsisti saranno inseriti in classi virtuali composte al massimo da 25 dirigenti, accompagnati da un e-tutor.
Quest’ultimi saranno nominati dall’Indire tra i dirigenti scolastici in servizio, in particolare tra coloro che in passato hanno svolto il medesimo incarico. Obiettivo è mettere a disposizione dei nuovi dirigenti una banca dati con una selezione dei temi formativi che riguardano la dirigenza scolastica oggi.

Mentoring

Il corsista sarà affiancato da un mentor, individuato dall’Ufficio Scolastico Regionale fra i dirigenti scolastici con riconosciuta qualificazione professionale, esperienza e reputazione. Grazie al percorso di accompagnamento, quindi, ogni corsista potrà confrontarsi con regolarità con un dirigente scolastico sulla gestione quotidiana dell’Istituto e su alcuni passaggi strategici che necessitano di particolare attenzione.

Portfolio informatico e relazione delle attività

Tutte le attività svolte dai corsisti durante i momenti del percorso di formazione saranno documentate in un apposito portfolio informatico, elaborato dall’Indire in collaborazione con l’Invalsi. Concluse le attività, i corsisti provvederanno alla redazione di una relazione scritta nella forma di un "rapporto di autovalutazione sulla scuola" che diverrà il punto di partenza per impostare il piano di miglioramento e di qualificazione dell’offerta formativa.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia