Inizia anno scolastico 2021/22 con i docenti di ruolo in cattedra. Grandi assenti i supplenti, nei prossimi giorni le nomine

Stampa

1° settembre 2021: inizia l’anno scolastico 2021/22. Presa di servizio, primi adempimenti, collegio docenti gli impegni di oggi. La presa di servizio deve essere necessariamente in presenza, mentre il collegio docenti potrà continuare a tenersi a distanza almeno fino al 31 dicembre, salvo delibera stessa del collegio per prolungare tale assetto.

Presa di servizio

Dovrà sottoscrivere la “presa di servizio”:

  • Personale neo immesso in ruolo
  • Personale in utilizzazione o assegnazione provvisoria
  • Personale in ruolo che trasferito in una nuova scuola
  • Personale in esonero o aspettativa che rientra in servizio
  • Personale personale con contratto per supplenza al 31 agosto o 30 giugno (se già nominato)

Oltre ai dati anagrafici verranno richiesti i contatti telefonici/e-mail, lo stato civile, la residenza, i titoli di studio posseduti. Verrà richiesto di sottoscrivere la mancanza di condanne penali o la mancanza di provvedimenti che riguardano misure di sicurezza o di prevenzione, di non essere stati destinatari di condanne di interdizione dai pubblici servizi o di condanne che comportino l’interdizione di contatti diretti e regolari con minori.

Bisognerà sottoscrivere anche una parte relativa alla mancanza di incompatibilità di cui all’art. 508 del D.L.vo n. 297/1994 (per il solo personale docente relativo a lezioni private o a svolgimento di altra professione o di altro incarico pubblico) o dall’art. 53 del D.L.vo n. 165/2001 (relativo a tutto il personale per incarichi di direzione o incarichi diversi da quelli pubblici)

Per la parte prettamente economica viene richiesto il codice IBAN (per i neoassunti o per chi non ha mai lavorato in una scuola) o il numero di partita di spesa fissa (o copia di un cedolino) per chi ha già avuto un contratto nella scuola.

Bisognerà poi comunicare se si è iscritti ad una forma di previdenza complementare (Fondo Scuola Espero)

L’elenco delle Scuola o degli Istituti dove il dipendente ha precedentemente prestato servizio (importantissimo al fine della ricongiunzione del fascicolo personale per chi dopo molte supplenze firma il contratto a tempo indeterminato)

Non meno importante è l’autorizzazione al trattamento dei dati che il dipendente sottoscrive in favore della scuola.

Primo collegio docenti

Collegio docenti, data più gettonata il 2 settembre: molti a distanza, alcuni in presenza, altri in modalità mista

La timeline del Ministero per l’avvio dell’anno scolastico 2021/22

Rispettata la data per la mobilità dei docenti di ruolo: già l’08 giugno tutte le province hanno comunicato gli esiti. Nelle settimane successive ci sono state delle rettifiche, ma l’andamento delle operazioni è stato sicuramente positivo.

Anche per le assegnazioni provvisorie e utilizzazioni si è giocato d’anticipo: moltissime province hanno rispettato la data indicativa del 9 agosto prospettata dal Ministero e comunque pubblicato gli esiti prima di Ferragosto, in modo da “contare” le disponibilità residue per i contratti a tempo indeterminato.
Si tratta certamente di un’operazione complessa e va rilevato che ancora nella giornata di ieri alcuni Uffici hanno pubblicato esiti, rettifiche, nuove assegnazioni. Ma sostanzialmente non c’è stato il patema d’animo generalizzato degli anni precedenti quando fino agli ultimi giorni di agosto i docenti non sapevano in quale scuola avrebbero assunto servizio, o addirittura si doveva provvedere a indicare delle “scuole di appoggio” in attesa che i bollettini venissero pubblicati.

Sul fronte docenti precari bene per le immissioni in ruolo in base alla normativa approvata: la procedura informatizzata avviata già gli ultimi giorni di giugno ha dato buoni risultati, anche se in alcune province il lavoro è talmente complesso che potrebbe non essere concluso ma alla fine tra GaE, graduatorie dei concorsi e GPS prima fascia risultano 58.600 nomine sui 112mila posti autorizzati (i posti saranno ancora coperti nel corso dell’anno scolastico con il nuovo concorso straordinario).

Bene anche per nomine in ruolo e supplenze ATA, assegnate da numerose province sul fotofinish. Negli ultimi giorni di agosto gli Uffici Scolastici sono stati impegnati nella procedura relativa.

Nomine docenti supplenti con contratto al 31 agosto e 30 giugno: qui la situazione si complica. Innanzitutto perchè gli Uffici “scontano” lavoro arretrato nel sistemare gli elenchi GPS dopo le verifiche operate dalle singole istituzioni scolastiche, e giornalmente pubblicano rettifiche, esclusione, reinserimenti.

Nonostante il Ministero abbia messo in moto una procedura che ha consentito di presentare domanda online per la maxiconvocazione da GaE e GPS entro il 21 agosto (senza proroga nonostante alcune problematiche tecniche hanno impedito ad alcuni docenti di presentare domanda), di fatto solo due province hanno pubblicato gli esiti entro il 31 agosto, consentendo la presa di servizio oggi 1° settembre.

Le altre nomine avverranno nei prossimi giorni: obiettivo avere tutti i docenti in classe per l’inizio delle lezioni, data diversa per ciascuna regione. IL CALENDARIO

Supplenze docenti al 31 agosto e 30 giugno 2022, ecco i primi bollettini. Province che hanno pubblicato esiti

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”