Inglesi ultimi nella conoscenza di una lingua straniera, peggio degli italiani

di Giulia Boffa
ipsef

GB – La Commissione europea ha rilevato che gli studenti britannici vanno incoraggiati piu’ di quelli di ogni altro paese europeo a imparare una lingua straniera.

GB – La Commissione europea ha rilevato che gli studenti britannici vanno incoraggiati piu’ di quelli di ogni altro paese europeo a imparare una lingua straniera.

La diffusione della loro lingua come quella piu’ parlata in tutto il mondo ha impigrito i cittadini del Regno Unito, che non sentono piu’ la necessita’ di studiarne altre.

Gli italiani sono, con spagnoli, cechi e ungheresi, fra i cittadini europei con le percentuali piu’ basse di conoscenza di una seconda lingua.

In previsione della conferenza che si terra’ a Londra il 18 ottobre, all’interno del London Language Show, la Commissione europea ha presentato i dati che riguardano il Regno Unito e ha sottolineato l’importanza di imparare una seconda lingua in maniera approfondita.

 "Serve, innanzitutto, per il commercio. Il Regno Unito effettua la meta’ dei suoi scambi commerciali con altri paesi dell’Ue e uno staff che sappia parlare la lingua dei propri partner e’ indispensabile", secondo la Commissione Ue.

 I dati presentati mostrano un calo, dal 2000 ad oggi, nel numero di universita’ inglesi che offrono lauree in francese (-30%, da 105 a 70 corsi di laurea) e tedesco (-55%, da 105 a 50 corsi). Si riduce anche il numero di diciottenni che si iscrivono a corsi di laurea per imparare lingue europee: il 17% in meno dal 2010 al 2013.

 Unico segnale positivo viene dai dati sulle scuole superiori: i ragazzi britannici a studiare una seconda lingua sono in crescita del 16% rispetto al passato. Inoltre, lo studio di una lingua straniera sara’ reso obbligatorio per gli studenti gia’ all’eta’ di sette anni, a partire dal settembre 2014 .

Versione stampabile
soloformazione