Inglese per bambini: insegnare gli animali della fattoria giocando

di Maria Ficano

item-thumbnail

Hi everybody, what animal is it? Che animale è? Cari docenti, oggi vi propongo un’attività divertente, ideale da svolgere nelle classi della scuola dell’infanzia e della primaria, per insegnare ai nostri bambini gli animali della fattoria in inglese.

Si tratta di un gioco facile e molto efficace, perché favorisce la memorizzazione dei vocaboli attraverso l’associazione tra suoni, immagini e parole scritte.

Consiste nel far ascoltare i versi e chiedere ai bambini di indovinare l’animale corrispondente. Per esempio: what animal is it? It’s a dog. Subito dopo l’insegnante dovrà mostrare una flashcard, o un’illustrazione sulla lavagna interattiva, chiedendo loro di disegnarla e scrivere il nome dell’animale.

Per stimolare il coinvolgimento e la partecipazione degli alunni, il docente può proporre il gioco come una sfida a gruppi. Vince quello che indovina più versi e scrive più parole correttamente in meno tempo.

Prima di dare il via, però, è indispensabile un’attività di pre teach vocabulary, ovvero di introduzione dei vocaboli. Ricordiamo sempre, infatti, che non possiamo chiedere agli alunni argomenti che non abbiamo mai svolto a lezione. Sembra una banalità, ma è questo un errore, spesso commesso da molti insegnanti, che suscita frustrazione e scoramento tra gli studenti. Emozioni da tenere sempre alla larga se vogliamo tenere alto l’interesse nei confronti dell’inglese, come di qualsiasi altra materia.

Per facilitarvi il compito qui trovate i file audio dei versi e le immagini di alcuni animali della fattoria: Cane/Dog, Gatto/Cat, Gallo/Rooster, Gallina/Hen, Tacchino/Turkey, Anatra/Duck, Coniglio/Rabbit, Maiale/Pig, Pecora/Sheep, Agnello/Lamb, Mucca/Cow, Cavallo/Horse, Asino/Donkey.

Avete, quindi, tutto quello che vi serve per questa lezione di inglese. Sono sicura che i vostri bambini si divertiranno un mondo e impareranno bene i nomi degli animali.

See you next time! Alla prossima!

Invia la tua risorsa o un tuo intervento su argomento didattica a: [email protected]
Versione stampabile
Argomenti: