Ingegneria nucleare: borse di studio da 1.500 euro per iscriversi al corso di laurea

Lo scrivevamo su queste pagine soltanto pochi giorni fa: in questo periodo (ma si tratta di una tendenza consolidata ormai da tempo) le aziende italiane hanno particolare difficoltà a reperire sul mercato profili laureati in discipline tecniche e scientifiche, soprattutto per quel che riguarda gli Ingegneri.

Se a questo aggiungiamo che, secondo quanto emerge dai più recenti dati dell’indagine Almalaurea, gli Ingegneri sono tra i laureati italiani con il tasso di occupazione più elevato (94,4% di occupati a 5 anni dal conseguimento della magistrale) e le retribuzioni maggiori (1.634 euro di stipendio netto medio), le conclusioni vengono da sé: conseguire una laurea in Ingegneria fa trovare lavoro, e tale beneficio non resta soltanto del singolo laureato, ma si trasferisce al mondo della aziende e dunque all’intero sistema Paese.

Il mondo universitario, sulla scia di tale evidenza, sta operando tramite diverse strategie: se da una parte vengono infatti messi in piedi nuovi corsi di laurea in Ingegneria che rendono sempre più raffinati e specialistici i saperi del settore (si prendano per esempio i nuovi corsi del Politecnico di Milano in Ingegneria del cibo e della Mobilità, di cui abbiamo parlato qui), dall’altra vengono spesso pubblicati bandi per l’assegnazione di Borse di studio da affidare a giovani studenti che intendano studiare Ingegneria all’Università.

È il caso dell’Università degli studi di Pisa, che ha recentemente bandito un concorso, a cui è possibile partecipare entro e non oltre il 31 dicembre 2019, che ha esattamente lo scopo di assegnare 6 Borse di studio da 6.000 euro a coloro che intendano iscriversi al suo corso di laurea magistrale in Ingegneria nucleare. Un’iniziativa che, come altre dello stesso tenore, vuole stimolare nei giovani l’amore per i saperi ingegneristici, per rendere così più facile il percorso della ricerca di un lavoro e per offrire al sistema economico e produttivo ciò di cui ha vitale bisogno: laureati in Ingegneria capaci e con molteplici specializzazioni.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia