Ingegneria della mobilità: un nuovo corso di laurea per trovare lavoro

di redazione

item-thumbnail

Per stare al passo con i cambiamenti che avvengono di continuo nella nostra società, il mondo della formazione deve costantemente adeguarsi, proponendo percorsi formativi il cui scopo principale sia rispondere alle esigenze che volta a volta emergono nell’ordine sociale.

Esigenze che nascono spesso dalla necessità di dover rispondere a problemi che coinvolgono tutti.

È questo il caso della mobilità, una delle questioni che negli ultimi tempi risultano all’ordine del giorno dell’agenda mondiale: fitti flussi ramificati e interconnessi e di merci e persone, rispetto dell’ambiente e sicurezza degli spostamenti sono solo alcune delle sotto-articolazioni del tema della mobilità che necessitano di attenzione.

Per venire incontro a tali esigenze, il Politecnico di Milano ha ideato, in partnership con 13 aziende ed enti del settore della mobilità (tra cui FS, Trenord, Ansaldo e Alstom, per citarne solo alcune), un innovativo corso di laurea magistrale in Mobility engineering (Ingegneria della mobilità). Un corso pensato allo scopo specifico di formare Ingegneri specializzati nella mobilità, professionisti che possano far dialogare varie discipline trovando soluzioni per conto di aziende (non solo quelle della mobilità in senso stretto, ma anche quelle che producono materiali e pensano soluzioni a supporto della mobilità), Pubbliche Amministrazioni ed enti di vario genere.

Questo nuovo corso di laurea, che prenderà il via dal prossimo anno accademico (2019/2020), si configura come continuamento di altri corsi triennali in Ingegneria e intende formare professionisti di cui il mercato del lavoro ha urgente bisogno. D’altronde, quelle nelle varie “Ingegnerie” sono ormai da tempo tra le lauree che consentono di trovare lavoro prima e con remunerazioni molto maggiori rispetto alla media.

Un interessante percorso, dunque, cui indirizzare i giovani in uscita dalle scuole superiori. Un percorso che, rispondendo a esigenze sociali e ambientali di stretta attualità, sarà capace di offrire sbocchi occupazionali di sicuro interesse a chiunque voglia affrontarlo.

Versione stampabile
Argomenti: