Infortunio docente in estate: quando può essere considerato incidente sul lavoro e rischio visita fiscale in vacanza

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Docente che subisce un infortunio in estate: può essere considerato infortunio sul lavoro? Che cosa succede se era in ferie? Rischia comunque la visita fiscale?

Sul tema delle ferie estive docenti ci sono molti luoghi comuni piuttosto radicati. Interpretare male la normativa può comportare confusione anche in tema di malattia e visita fiscale. Il quesito che riportiamo sotto ci aiuta a fare chiarezza su alcuni aspetti importanti:

Sono una maestra. Sabato scorso, mentre mi recavo in pizzeria per una cena di fine anno scolastico con i miei alunni, sono stata tamponata. La mattina seguente mi sono svegliata con un dolore all’altezza della cervicale e il medico mi ha dato una prognosi di 10 giorni di riposo. E’ considerato infortunio sul lavoro? Se chiedo l’indennità di malattia sono soggetta a visita fiscale?

Chiusura Scuola estiva: a quante ferie hanno diritto gli insegnanti?

Sicuramente il falso mito più diffuso è quello per cui gli insegnanti sarebbero l’unica categoria di dipendenti pubblici che in estate hanno diritto a tre mesi di ferie. Le cose non stanno così: il numero di giorni di ferie in un anno ai quali il docente ha diritto può essere di 30 o 32 a seconda dell’anzianità di servizio.

Per approfondire leggi anche:

Calcolo ferie insegnanti: a quanti giorni hanno diritto veramente?

Infortunio o malattia insegnante in estate: che cosa succede?

Se l’infortunio o la malattia si verifica in questi giorni di ferie, la fruizione delle stesse viene interrotta. Le ferie infatti sono un diritto irrinunciabile. Dal momento in cui si interrompono per infortunio o malattia però, si accetta anche il rischio di visita fiscale.

Potrebbe interessarti anche leggere:

Malattia docenti: di può riprendere servizio in estate?

Infortunio docenti in estate: risposta al quesito

Rispondendo al quesito, scartiamo in primis la possibilità di inquadrare la fattispecie come infortunio sul lavoro (o, più precisamente, di infortunio in itinere tragitto casa-lavoro). La cena di fine classe infatti non è un’attività prevista nell’orario lavorativo e, intuitivamente, non rientra nelle mansioni contrattuali. Il fatto che si tratti della stagione estiva non esonera dal rischio di visita fiscale presso l’indirizzo di reperibilità segnalato.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: