Infortuni: distorsione dito durante partita a pallavolo, la scuola non è responsabile

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In caso di infortunio la scuola ha l’obbligo di dimostrare di aver messo in atto tutte le misure necessarie per evitare qualsiasi danno ai propri studenti. Ma questo principio non è sempre valido.

In una scuola della Calabria una studentessa si procura la distorsione di un dito giovando a pallavolo a causa di una ricezione maldestra della palla a seguito di una schiacciata di  una compagna.

I fatti

I genitori della minore hanno chiesto al Ministero il risarcimento dei danni, perché la scuola non avrebbe “istruito” la ragazzina per la ricezione della palla. Di conseguenza, per i genitori la scuola non aveva messo in atto tutte le misure necessarie per evitare il danno.

I giudici rigettano

Il giudice di pace ha rigettato la richiesta, affermando che in essa mancano i “canoni di logica e ragionevolezza”, dato che si è trattato di una normale azione di gioco durante la quale l’altra studentessa non ha agito con azione di gioco eccedente.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione