Argomenti Guide

Tutti gli argomenti

Infanzia e Primaria: come si diventa docenti a tempo indeterminato?

WhatsApp
Telegram

La strada per diventare insegnante è costellata di tanti step importanti. Dalle graduatorie ai percorsi abilitanti, dai Concorsi Pubblici alle supplenze con MAD; le possibilità sono tante e diverse a seconda del tipo di carriera che si vuole scegliere. Tranne alcuni casi, il conseguimento della Laurea è un requisito fondamentale. Oggi ci concentriamo sul percorso formativo che bisogna percorrere per arrivare all’obiettivo finale: ottenere la nomina in ruolo per la scuola dell’Infanzia o Primaria, quindi con contratto a tempo indeterminato, posti comuni. Nelle prossime ore tratteremo anche tutto ciò che riguarda gli aspiranti docenti in ruolo di sostegno.

Dubbi dei lettori

Una giovanissima aspirante insegnante ci chiede:

Salve, fin da piccola ho coltivato il sogno di diventare Maestra nella scuola elementare o dell’infanzia. Ho quasi 20 anni e da poco tempo ho concluso le scuole superiori acquisendo il diploma di scuola secondaria. Quali sono i prossimi passi per ottenere la nomina in ruolo? Grazie

Step fondamentale – Le classi di concorso

Ogni aspirante docente deve conoscere a quali classi di concorso insegnamento può iscriversi e, di conseguenza, sapere per quali materie scolastiche può ricoprire ruolo di docente.

Le classi di concorso sono i codici che il Ministero utilizza per indicare la corrispondenza tra i vari titoli di studio e una o più materie di insegnamento. Ad ogni titolo di studio corrispondono quindi delle Classi di Concorso specifiche che, a loro volta, si rifanno alle materie scolastiche che un aspirante docente può insegnare. L’accesso a una Classe di Concorso è quindi il requisito N.1 per diventare insegnante di una qualsiasi materia in un Istituto di qualsiasi ordine e grado

Infanzia e Primaria

A differenza della scuola secondaria che ha un numero cospicuo di classi di concorso e di lauree differenti per l’accesso all’insegnamento specifico di ogni disciplina, la scuola dell’Infanzia e Primaria hanno un’unica classe di concorso comprendente l’intero ordine scolastico:

  • 00AA – Infanzia – Posto comune
  • 00EE – Primaria – Posto comune

I titoli di studio che danno accesso alle Classi di Concorso per la scuola dell’infanzia e primaria sono:

  • Laurea in scienze della formazione primaria [Valore abilitante]
  • Diploma di maturità Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico o Diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002 [Valore abilitante]

Questa la pagina del Ministero per controllare a quali classi di concorso si può accedere con il proprio titolo.

24 CFU non hanno nulla a che vedere con la scuola dell’Infanzia e Primaria

Laurea + 24 CFU è un binomio possibile tra i requisiti di accesso alla 2 fascia GPS o terza fascia delle graduatorie di istituto per gli aspiranti docenti delle scuole medie/superiori. Nulla a che vedere con i titoli richiesti per Infanzia e Primaria. I 24 CFU sono relativi esclusivamente alla scuola secondaria.

Per diventare docenti di ruolo bisogna superare un concorso

Una delle parole chiave nell’ambito dell’accesso al ruolo per gli aspiranti docenti è: “Concorso”. Ma chi vi può accedere? Bisogna naturalmente possedere dei requisiti. Ebbene quest’ultimi sono i medesimi previsti per l’accesso alle classi di concorso. Li ripetiamo, con alcune precisazioni.

[Articolo 3, Bando Concorso ordinario scuola dell’infanzia e primaria 2020/21]

Requisiti di ammissione:

Sono ammessi a partecipare alle procedure concorsuali previste dal presente bando per l’accesso ai posti comuni della scuola dell’infanzia e primaria, i candidati che entro la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, siano in possesso di uno tra i seguenti titoli:

  • titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
  • diploma magistrale con valore di abilitazione o diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, purché conseguiti entro l’anno
    scolastico 2001/2002 e, in particolare:
  • a) per i posti comuni della scuola primaria, il candidato in possesso del titolo di studio conseguito entro l’anno scolastico 2001- 2002, al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998 aventi valore di abilitazione ivi incluso il titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale 11 febbraio 1991, n. 27;
  • b) per i posti comuni della scuola dell’infanzia, il candidato in possesso del titolo di studio conseguito entro l’anno scolastico 2001- 2002, al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, ovvero dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997- 1998 aventi valore di abilitazione ivi incluso il titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale 11 febbraio 1991, n. 27.

N.B.: Chi vince il Concorso, superato l’anno di prova, è di ruolo a tutti gli effetti

Ogni quanto tempo vengono banditi i concorsi per Docenti?

Le procedure concorsuali per assunzione docenti in ruolo dovrebbero avvenire con cadenza biennale però non sappiamo se tale data verrà rispettata, dato il ritardo con cui la procedura sta proseguendo, a causa della pandemia.

Nel frattempo si comincia a vociferare di possibili date di svolgimento della prova preselettiva del Concorso ordinario 2020 per la scuola dell’infanzia/primaria e per la scuola secondaria, rinviati al corrente anno per i motivi drammatici di cui dicevamo poco sopra.

Si consideri che per infanzia e primaria ci sono ancora regioni con le graduatorie del concorso ordinario 2016 e/o straordinario 2018.

Concorso ordinario 2020/21, scatta totodata per la preselettiva: prima infanzia primaria o secondaria? Tutte le ultime notizie da Ministero e USR

Tutto sul prossimo concorso ordinario Infanzia e Primaria

Risposta al quesito

Per accedere al ruolo e diventare docenti a tempo indeterminato nella scuola dell’Infanzia e Primaria occorre il possesso congiunto di questi requisiti:

  • Laurea quinquennale in Scienze della formazione primaria o Diploma Liceo S. P. Pedagogico conseguito entro il 2001/02 e il
  • superamento di una pubblica procedura concorsuale

Naturalmente per la nostra giovane aspirante insegnante, il percorso è ancora lungo. Dovrà iscriversi all’università, prendere la laurea e successivamente superare un concorso pubblico.

Cosa è possibile fare in attesa di ottenere il ruolo

  • Svolgere supplenze nelle scuole tramite l’invio della messa a disposizione [si può fare in qualsiasi momento dell’anno, anche con il solo diploma]
  • Svolgere supplenze annuali, brevi, temporanee tramite le graduatorie provinciali per le supplenze [G.P.S.] o  le graduatorie di istituto [G.I.].

N.B.: le GPS e le GI verranno riaperte nel 2022, in quanto hanno validità biennale ed essendo state istituite nel 2020. Anche per tali graduatorie occorre possedere specifici requisiti. Leggi qui: GPS e GI – Cosa sono – Requisiti di accesso

Il reclutamento docenti subirà delle modifiche?

Reclutamento docenti: stop concorsoni, precari stabilizzati temporaneamente e prove selettive, Nucleo valutazione scuole decide su assunzioni.

Il documento integrale

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur