Indicazioni per la gestione dei dati personali relativi ai soggetti versanti associati all’alunno nell’ambito del servizio “Pago In Rete”. Nota Ministero e informativa [PDF]

Stampa

Il Ministero dell’Istruzione, con la nota n.1975 del 30 giugno, a firma del direttore generale Gianna Barbieri, dà indicazioni alle scuole per la gestione dei dati personali relativi ai soggetti versanti associati all’alunno nell’ambito del servizio “Pago in Rete”.

Le scuole possono trattare dati personali relativi al soggetto versante (genitore o tutore) in associazione con quelli dell’alunno/a o dello studente/studentessa per abilitare le famiglie al versamento telematico con il sistema pagoPA delle tasse e dei contributi scolastici richiesti agli alunni frequentanti per i servizi scolastici offerti.

Il Ministero, con la nota, intende fornire puntuali indicazioni circa le modalità operative di conferimento dei dati, nonché la delega al rappresentante di classe, al fine di uniformare e standardizzare la gestione dei dati personali da parte delle Istituzioni scolastiche.

Le segreterie scolastiche possono abilitare le famiglie al pagamento telematico per le tasse e i contributi
scolastici con due modalità: configurando contribuzioni eseguibili in forma volontaria dagli utenti del servizio, che non prevedono l’intestazione all’alunno, oppure emettendo degli avvisi digitali di pagamento intestati agli
alunni e notificandoli ai soggetti versanti ad essi associati che si fanno carico di effettuare i pagamenti richiesti.
Inoltre, le segreterie scolastiche possono abilitare il rappresentante di classe, su esplicita richiesta dello stesso,
alla visualizzazione e pagamento degli avvisi intestati agli alunni della classe per conto del genitore che lo ha
espressamente delegato.

Il servizio “Pago In Rete” consente al rappresentante di classe di visualizzare e pagare gli avvisi telematici
intestati agli alunni della classe per contro del genitore associato. L’associazione tra rappresentante di classe e
alunni viene effettuata dalla segreteria scolastica su esplicita richiesta del rappresentante di classe, previa
apposita delega da parte dei genitori degli alunni della classe.

A tal fine, all’interno del modulo contenuto nell’informativa allegata alla presente nota, il genitore avrà la
possibilità di delegare o meno il rappresentante di classe alla visualizzazione e al pagamento degli avvisi
telematici intestati all’alunno.

Tale delega è puramente facoltativa e può essere revocata in qualsiasi momento con le modalità indicate al
precedente paragrafo.

Si precisa, inoltre, che il rappresentante di classe potrà procedere al pagamento per l’intera classe solo nel caso
in cui vi sia la delega da parte di tutti gli alunni conferita come previsto nel modulo allegato alla presente.

Tutte le volte che viene configurato un avviso di pagamento, la segreteria scolastica può decidere se abilitare
o meno il rappresentante di classe alla visualizzazione e al pagamento di tale avviso intestato agli alunni della
classe per conto delle famiglie

NOTA MINISTERO

INFORMATIVA PER LE FAMIGLIE

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur